BONCI BONCI

QUALI CARATTERISTICHE CONTRIBUISCONO ALLO SVILUPPO E ALL’ESPRESSIONE DELLA CREATIVITA’?

Gli studi evidenziano una sostanziale autonomia delle capacità cognitive attraverso le quali si esprime la creatività rispetto al complesso delle funzioni mentali che definiscono l’intelligenza. Creatività non è capacità di risolvere i problemi ma di individuare problemi solubili, facoltà che richiede uno sforzo immaginativo superiore o una diversa inclinazione, negli obiettivi e negli appetiti intellettivi. Sono coinvolte più forme di intelligenza nell’organizzazione della percezioni e nell’operato della memoria. L’intelligenza serve alla creatività.

I correlati psicologici della creatività a livello individuale risultano dalle batterie di test usate abitualmente negli studi sulla personalità:

indipendenza nei comportamenti e negli atteggiamenti, dominanza, apertura agli stimoli, ampiezza degli interessi, buona accettazione di sé, intuitività, flessibilità, socievolezza, unita però a tratti di antisocialità, radicalità nei giudizi, rifiuto delle costrizioni, introversione…

Tranne l’ultima caratteristica che mi pare avulsa, tutto il resto è davvero lusinghiero! Nelle fasce di età più giovani valgono anche altri parametri.

Perché un prodotto creativo sia riconosciuto come tale è necessario che ottenga anche un certo consenso dei possibili fruitori, che catturi l’attenzione nel confronto con la tradizione e parli il linguaggio dell’innovazione. Le capacità relazionali e di accedere alle risorse sono fattori che condizionano l’emergere e l’affermarsi della creatività.

Perseveranza, capacità di non lasciarsi sopraffare dalle critiche, autorevolezza: sono doti indispensabili su cui si basa la produzione creativa, per discostarsi dalla tradizione o saperne fondare un’altra.

Arte è tecnica, capacità di misurare e organizzare i materiali secondo un progetto. Nell’arte il progetto si compie nel suo stesso farsi. Nella realizzazione del progetto tecnico si evidenzia l’uso e il valore di scambio. Non necessariamente i due aspetti sono in contrapposizione.

Poesia è arte e tecnica.

Tag: , , , ,

4 Risposte to “BONCI BONCI”

  1. agomast Says:

    Stavo pensando come sono doiverse le interpretazioni della “creativita’” nel tempo. Sono cresciuto in un tempo,ormai era geologica, in cui la creativita’ si mescolava con colletivita’, massa, lotta di classe e sinonimi diversi di “popolo”.
    Vivo oggi in un mondo in cui “creativita’” e’ anche nella parole di un incomprensibile, forse alterato, Lapo Elkan in tv, che ne parla come di un qualcosa che frana dalla bocca, esce dalle orecchie e cola dal naso( mi si perdoni qualsiasi riferimento).
    ricordo tempi in cui la creativita’ era espressa in un architettura, in un letteratura, in una forma di arte figurativa che oggi fa sorridere ma che un tempo poco lontano affascinava.
    Troppi esempi facili mi vengono ora in mente ma trovo che la classificazione della cretivita’ lascia il tempo che trova, meno che nelle motivazioni, forse piu semplici di quanto essresso, succintamente, nel trattatello:
    Un artista, coinvolto da varie cose, ha bisogno di ESPRIMERE, un bisogno fisico di liberarsi, di ricominciare, forse nemmeno contento di essere travolto, trafitto , soffocato, da sensazioni che probabilmente non vorrebbe conoscere, dato la grande forza che esercitano su di lui, lei.
    Haug!

  2. anneheche Says:

    E anche cuore, penso.
    Buona giornata 🙂

  3. paolazan Says:

    1. il riferimento a lapo è arguto. anche perché le cose veicolate dalla tv sono sempre tanto grottesche quanto facili da bere… ci vedrei bene a braccetto un emanuele filiberto che balla filosoficamente alla portata di tutti, facendo sognare gli italiani che si attaccano volentieri a queste immagini di rampolli dell’alta borghesia e dell’aristocrazia con cui in fondo risulta più facile identificarsi… ricordo di una professoressa di antropologia culturale che sosteneva che dare del creativo a qualcuno equivale ad un insulto: SEI UN CREATIVO per assonanza si avvicina a SEI UN CRETINO!
    2. i sentimenti e le emozioni materia dei poeti e di tutti gli altri rozzi o raffinati che siano, si visualizzano nel cervello con la PET, la TAC, l’RMN e l’RMF. Ormoni e neurormoni prodotti dalle ghiandole endocrine e dal cervello stesso possono influire sul cuore accelerandone o rallentandone i battiti… Il cuore pertanto non è la sede dei sentimenti… Le false credenze sono dure a morire, ma ammetto che quando si parla di cuore si faccia metafora! (sono una biologa e mi tocca anche questo!) Il post si riferisce ad un saggio di Edoardo Boncinelli COME NASCONO LE IDEE (e anche la poesia!).

  4. arcipelago Says:

    Complementari, no ? perché l’arte da sola si arena, e la tecnica da sola porta alla realizzazione di oggetti inanimati.
    La tecnica da sola serve a realizzare materialmente gli oggetti (idea > progetto > prototipo > verifica materiale > realizzazione), ma quegli oggetti risultano freddi, distaccati dal mondo.
    E si parla anche di pensiero laterale, in questo saggio ?
    Affrontare i problemi rovesciando il punto di vista per trovare nuove soluzioni, che non siano quelle solite stantie ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: