La Superbia

Teme nell'arte: il bagno turco di Ingres

…la superbia del vecchio era visibile. Tangibile. Come le banconote che spuntavano dal taschino. E quanto più mostrava la sua suprema arroganza, tanto più si rivelava inquieto, fragile e tremante. Un imprenditur, un sciur parun, che ha fatto girare e accumulato ricchezza sotto forma di denaro, oro, immobili, investimenti, auto status symbol. Una moglie può far parte del quadro, dell’evidenza del benessere materiale, se opportunamente agghindata e addestrata al ruolo. Poi, se dà fuori di testa, osa lamentarsi (quante storie, hai tutto cosa vuoi di più…), e diventa troppo noiosa, la si sistema da qualche parte al sicuro, coprendola di pellicce, gioielli e disprezzo, in totale assenza di empatia. A.Z. aveva parcheggiato la moglie alle Terme di C. scendendo in taxi lungo la penisola, per arrivare da solo a Napoli, meta ultima: Capri. Fu lì che il suo antico orgoglio di uomo maschio e potente ebbe il suo ultimo sussulto…

Tag:

Una Risposta to “La Superbia”

  1. biancoenero400 Says:

    …mmmh!…
    …sì, mi piace…
    …mi prende…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: