ABORTO


A.A.A.

A come Aborto.
A come Anatema.

BS come Bene, Soffermiamoci.

Ampie e diffuse testimonianze ci illustrano che anche i cattolici italiani si sono serviti della legge dello Stato 194/1978 (per non dire che altrettanto spesso l'hanno aggirata).

http://it.wikipedia.org/wiki/Legislazioni_sull'aborto

Molte donne cattoliche adulte per non apparire nei registri, si sono rivolte a strutture private, o recate ad abortire a Londra, in Svizzera, così come molte minorenni, figlie di famiglia cattolica, sono state accompagnate a farlo
in location discrete.
 

Testimonianza n.1

La signora XX, oggi 70enne, ha tre figli e
ha interrotto volontariamente, complice il marito, ben 
9 gravidanze.
Va a messa. E in casa ha un lumino perennemente acceso davanti a un poster
del famoso PP.
Ha dichiarato: il sesso mi digusta.

Testimonianza n. 2 

La mia ex vicina di casa, oggi quasi ottantenne, ha eliminato il terzo figlio.
Ha dichiarato: si ricordi Paola uno è poco, due son troppi! …e il terzo proprio non ci sta.
Prega, con lo sguardo fisso.

Testimonianza n.3

Una signora, nei panni della quale vorrei essere tra trent'anni, era arrivata a Milano, sposina nel primo dopoguerra, in camera d'affitto presso conoscenti.
Il primo figlio, arrivato troppo presto, fu soppresso, con consapevolezza.
Questa donna luminosa e realizzata dichiara di non essere cattolica, non ha bisogno di mentire, e guarda con benevolenza alla sua vita vissuta, tutto compreso.

Testimonianza n. …

Interviene alla radio una vecchia ostetrica.
Dichiara di averne viste parecchie di basapiletta arroganti e benpensanti, abortire alla chetichella.
Pagare e tacere.

(a proposito di radio, stamattina per Prima Pagina, il primo intervento evocava Dionigi Tettamanzi, nella speranza che prenda posizione con l'apertura che lo contraddistingue, ma pare impossibile: la regola glielo impedisce!)

A proposito di a proposito, come possiamo accettare una campagna elettorale così fasulla e sleale?

E per inciso, una bella lezione agli ipocriti, presto o tardi arriverà.
 

Tag: , , ,

8 Risposte to “ABORTO”

  1. guerreronegro Says:

    A proposito di preservativi (ma non di aborti) mi è tornato in mente questo vecchio post Il preservativo causa le rughe.

  2. chopy Says:

    Io sono a favore… ma è una decisione che deve prendere assolutamente la donna liberamente.Devo dire che i preservativi sono sicuri al 90% e quindi la possibilità di fare cilecca del lattice c'è… Ma spesso, troppo spesso si fanno moralismi fuori luogo e inutili… La Chiesa per prima. Facile dire non abortite… quando, come spesso capita ad esempio in alcune nazione africane, le donne sono vittime di violenze.Sempre post decisi i tuoi e che lasciano adito a molte riflessioni… 🙂

  3. nevepioggia Says:

    Ciao,sono arrivata per caso e visto che mi piace quello che hai scritto…ti lascio una vignetta.Non è mia ma di Tubal (controcorrente satirica)ciao

  4. Confusa72 Says:

    Iprocrisia=diplomazia…. ?!… 🙂 e di questo passo…il perbenismo fa rima con qualunquismo…?!…Tettamanzi…acc… io quando sento cianciare persone di tal rango vorrei un profilattico per l'orecchio…Ciao!D.

  5. paolazan Says:

    Ricevo in PVT e sono autorizzata a pubblicare:Ciao Paola!Piacere – Debora.Sai ti debbo confessare che per anni ho frequentato la chiesta e tentato una sorta di 'regolarizzazione' :)…Dal punto di vista etico religioso….Sono stata battezzata, ho fatto la mia brava comunione e anche pensa un pò, la cresima. Ho frequentato fin da piccina la suddetta casa con annesso oratorio….Tentai anche di inserirmi nel coro della Chiesa ma il prete dopo la prima “prova” mi disse “Nome, Cognome della sottoscritta, se non vuole che Gesù prenda la sua croce sottobraccio, ed esca da questa Dimora con le proprie gambe, le consiglio caldamente di non intraprendere la via del canto” :)Tralasciando questo piccolo episodio….Frequentai finche non mi resi conto che una religione che si professava “libera” voleva darmi voce….In questioni come un voto in un referendum, o sull’eutanasia, o sulla fecondazione in vitreo, o sull’aborto o..o…o…Ebbene…Non posso dire con certezza “Dio non esiste” ma mi sono arrestata in un sepolcro….Il vero cristiano inizia il suo cammino dopo il terzo giorno….C’è anche da dire che il mio non fu un vero cammino spirituale….sono una persona concreta…forse mi è più affine la figura di Tommaso….Più che altro….ho sempre sentito il bisogno di far parte di un qualcosa….ma mi resi conto che quel qualcosa è costituito da persone terrene….In quella dimora trovavo un’aggregazione, dove potevo respirare amore e darne….Quando scambiavo il segno della Pace, io guardavo diritto in faccia la persona ed io auguravo con il cuore “la pace sia con te”…Ed è anche per questo che godo in ambienti quali lo stadio, i concerti, i cortei….Gente, tanta gente riunita in un luogo dove tutte le preoccupazioni, l’odio, il desiderio, i turbamenti, le volgarità, le situazioni più o meno determinanti, tutta questa vita in cui ci trasciniamo grida e lacrime, risate, guerre, speranze deluse, lotte, rotture, aspettative: tutto questo anche se meraviglioso, in un momento, non esiste più, o almeno è posto in un secondo piano…In un tempo in cui l’alienazione dell’essere umano è sempre più incombente.così rispondo:Ah bellissima la tua testimonianza autentica e spontanea! Grazie! Mi piacerebbe che qualche stralcio se non tutta comparisse pubblicamente… vedi tu!hai toccato punti cruciali: il bisogno di aggregazione, l'importanza della ritualità collettiva… sono temi a me molto cari.la verità è anche un punto nodale e qualche post fa l'avevo accennato parlando di un prelato illuminato, a proposito di catechismo di legalità…rileggerò con ancora più attenzione le tue parole, grazie Debora!

  6. tolstoj76 Says:

    personalmente penso si debba lasciare tutto alla coscienza di chi è coinvolto da una gravidanza inaspettata… è certo una questione che si deve vivere per comprendere cosa si prova… una cosa è certa, non è cristiano chi come la chiesa Cattolica vuole imporre a tutti il proprio punto di vista; sì non è cristiano costringere chi non crede in dio a comportarsi come chi ci crede; è un ragionamento da crociate.

  7. lapatrizia Says:

    Sono contraria all'aborto. Per principio non perchè me l'ha detto la Chiesa, anche se sono cattolica. Sono contraria PER ME. Sono per la libertà di scelta per tutti. Mi sta bene che la possiibilità di abortire in strutture pubbliche protette ci sia. Ognuno deve scegliere in coscienza. Però lasciamo alle persone che hanno fatto la scelta di abortire la possibilità di pregare e di essere anche poi praticanti. Il cristianesimo è accoglienza non rifiuto.

  8. bettyargento Says:

    Carino il tuo blog, stasera me lo navigo un po', scrivi cose interessanti.Premetto che sono agnostica, sono uscita dalla Chiesa cattolica impostami dalla famiglia nella adolescenza. Quando ero molto giovane ero favorevole all'aborto: detestavo l'idea di riprodurmi e se mai fosse successo un "incidente" molto probabilmente sarei ricorsa alla 194. Oggi vedo le cose diversamente: é giusto che ci sia la 194 ma é scellerata la superficialitá con la quale molto spesso si gestisce il proprio corpo. Ci sono gli anticoncezionali e se non si vogliono figli devo essere utilizzati: bando ai sistemi della nonna, allo speranDio, all'interruzione del coito e altre minchiate del genere. Bisogna essere responsabili, noi donne prima di tutto, perché dagli uomini ovviamente non c'é da aspettarsi molto su questo fronte, visto che quando hanno un'erezione pare che il cervello non sia piú irrorato dal sangue;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: