WIN WIN

Tutti ci guadagnano. Come? Risparmiando energia, progettando e costruendo nuova tecnologia che tutto il mondo richiederà. Lo sanno bene i tedeschi che puntano al rinnovabile anche per questo. Nel 2030 il 50% del fabbisogno sarà assicurato dalle fonti rinnovabili (c'è bisogno che le si rielenchi?) e nel 2050, l'80%. Ci guadagna l'ambiente in termini di minor carico di gas serra e altri inquinanti. Ci guadagnano le attività produttive a tutto raggio, dal turismo all'industria meccanica e quant'altro si attivi nella stessa ottica. Andata e ritorno. Per questo la catastrofe che ha colpito direttamente i fratelli giapponesi, come direbbe Fo http://www.dariofo.it/taxonomy/term/47, è una sorta di APOCALISSE RIMANDATA (BENVENUTA CATASTROFE) che, mi tocca essere didascalica http://www.commercioetico.it/libri/dario-fo/apocalisse-rimandata.html, è un suo testo recente, illustrato da sè medesimo (da LEGGERE!): ci colpisce duramente ma ancora parzialmente, e siamo costretti tutti a rifletterci sopra. Gli italiani lo fanno in regime di furbizia. Tolgono il nucleare dal programma governativo con sperati effetti propagandistici. E svuotano, come dicevo in un precedente piccolo post, l'azione referendaria del 12-13 giugno che riguarda altri importanti temi come l'acqua pubblica e la giustizia.

Intanto pubblico poi torno…

Dato che l'ENERGIA INTELLIGENTE E' QUELLA RISPARMIATA, COME RAZIONALIZZARE?

Intanto pensando che continuare a comprare genera solo insoddisfazione e alla lunga consumi che nessuno si augurerebbe di fare come quelli di psicofarmaci per estremizzare.  Allora come evitarci i guai del 'comprismo' (termine che qualcuno suggerisce di sostituire a consumismo)? Agendo sui consumi, ovvio, dall'abbigliamento al cibo ai trasporti. Dalla costruzione della casa http://www.youtube.com/watch?v=SDhRR04p7MA&feature=related all'arredamento, dal riscaldamento al raffrescamento. Pensiamo all'energia impiegata per produrre anche una semplice maglietta. Se è di cotone, acqua e pesticidi a go go. Trasporto e lavorazione globalizzata, irrispettosi della qualità delle condizioni di lavoro.
Io, non me ne vergogno ho conservato le camicie scartate da mio marito, in vista della mia prossima occupazione di orticoltrice. E mi rammarico di averne buttate via qualcuna quindici anni fa (ah quel quadrettino rosso…)! Se riadattiamo i termini senza fare confusione però, consumista diventa chi consuma fino in fondo un oggetto senza comprarne compulsivamente in continuazione, ok? Bene. Cibo da agricoltura di prossimità, a filiera corta dunque (storcete il naso sulla dicitura 'Km zero'? andate a cagare e seppellitevi insieme alle vostre sontuose deiezioni: non c'è posto per sciocchi snobismi di ritorno!).

Ri-pubblico e ri-torno 

Se 1/3 dell'estensione del deserto del Sahara fosse destinato al fotovoltaico si produrrebbe elettricità per ututto il pianeta, sciambola!

Car-pooling, car-sharing. Trasporto pubblico potenziato e agevolato.

Co-housing.

Spegnere il riscaldamento nei luoghi pubblici (e nelle abitazioni, ovviamente) rendendo più efficienti i meccanismi a feed-back (all'Ospedale Auxologico in febbraio si scoppiava dal caldo: chi li fa i bilanci di queste strutture mangiasoldi pubblici?). Raffrescare coi metodi a intercapedine e con le coperture vegetali, noti 3 mila anni fa!

SVEGLIARSI. E PEDALARE.

(l'immagine è datata ma rende l'idea)

Annunci

Tag: , , , , , , ,

2 Risposte to “WIN WIN”

  1. Gemisto Says:

    Buona Pasqua

  2. riprendiamocimilano Says:

    grazie pre l'add

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: