RENZI

 

Crozza lo rappresenta come un bambino che si dondola con l'orsacchiottone. Ma Renzi, nonostante tutto, è un adulto. Semmai rischia di fare la parte del bamboccio, cosa che dipende non dall'età bensì dal comportamento. Può succedere che la ridicolaggine e la mancanza di autorevolezza colpiscano anche in età avanzata. Antipatico, simpatico, strano. Sì, pare che desti ampia diffidenza poiché non guarda negli occhi l'interlocutore. Avevo un'amica con lo sguardo sfuggente, verso l'alto, l'attaccatura dei capelli, e metteva a disagio. Ma lei stava peggio. Sempre pensato che fosse molto insicura e quella una forma di difesa… Sorriso permanente, vocina dolce completavano il quadro. Era più forte di lei: non riusciva a guardare negli occhi. Una volta ne parlammo. Sempre meglio chiamare col proprio nome i problemi. Tornando a Renzi, lo chiamano berluschino, non a caso: è cresciuto studiando i suoi video, il suo modo di comunicare. E il grande 'modello' ha una bocca aperta in un sorriso artificiale e uno sguardo che forse ti fissa pure, ma è vuoto, senz'anima, disumano. Vuoi vedere che Renzi sfugge perché un'anima ancora ce l'ha e un dubbio lo assilla profondamente e incessantemente? Egli è sul filo: deve decidere se fare il populista cinico o l'umano che partecipa con l'anima alle vicende dei comuni mortali, dei suoi simili, di coloro che si appresta a rappresentare in un ambito più allargato rispetto alla sola Firenze. Come facciano gli italiani a farsi imbrogliare da sorrisi fasulli e da battute squallide, rimane un mistero. Oppure bisogna ammettere che sono disorientati alla follia sul piano dei valori e dei riferimenti: il degrado investe tutto e la ricerca della qualità della vita è un ricordo ormai lontano, un retaggio di pochi. Che novità buone porterebbe Renzi? Risolverebbe l'impasse della politica? Darebbe un corso nuovo alla gestione delle risorse comuni? Proteggerebbe il territorio dallo scempio? Ha una coscienza civile alta? O si presterebbe al gioco delle mafie? Offre speranze il rottamatore, o meglio affidarsi all'usato sicuro? Bersani, ha nondimeno un problema con il modo di ridere, lo si è ben visto con Crozza, cartina al tornasole! Se dovessi scegliere un PD dallo sguardo e dal modo di ridere, non avrei dubbi: la Bindi è la più affidabile. E che si lasci soffiare l'occasione di emergere come leader da Renzino, è inaccettabile!

Ma, ragioniamo. Centristi e delusisti di destra… con i loro voti spostati potrebbero rafforzarlo, il PD che gioca la carta Renzi. Tanto vale tentare, giunti fino a questo punto.

Vorrei ricordare, in chiusura, lo scherzetto da suora che la Bignardi (mia coetanea, vicina di casa due volte nella vita, a Ferrara e a Milano, V. FOTO nei media) gli riservò in una puntata di Le invasioni barbariche, raggirandolo con una finta agenzia in cui Bossi lo elogiava… e Renzi era in sollucchero! La scena diede la misura del suo spessore morale. Bassino.

A chi è bravo con la ricerca in You Tube, chiedo di trovare il link, merci!

Annunci

Tag: , , , , , , ,

3 Risposte to “RENZI”

  1. Ilviaggiofermo Says:

    ;Bel pezzo: complimenti.
    Ma a forza di sentir parlare di Renzi a me scappa moltissimo
    il commento 
    Renzi e' un politico di razza, cioe' ha quella capacita' rara di mentire e farsi gli affari suoi senza essere sgamato.
    Chi avrebbe potuto dire prima di lui che voleva rottamare il PD (a parte il nano blu) e finire in prima pagina, facendo passare una bieca lotta di potere per una giusta battaglia in nome dei cittadini?
    Se ci riesci, se non ti fai beccare, se attorno a te invece del disprezzo aleggia mistero e tu sei sceso a patti coi più infidi…..sei un politico di razza,
    se qualcuno ti vede come l'uomo nuovo (un altro per giunta)  e non si accorge che sei cresciuto col nemico baleno sei un politico di razza
    eppre hai gravitato con l'appoggio di un certo magnaccia (ehhhmmmm mqgnate) sempre in una parte di TV e nessuno ti ha chieso  come mai.  *E' semplice; sei un politico di razza":

    Ho un po sonno.  abbi pazienza:

  2. RobertoCantelli Says:

    La mia opinione è che Renzi dice cose giuste nel modo sbagliato. Le cose giuste sono che sicuramente il PD deve tornare (o forse addirittura iniziare visto che l'ultima volta che è stato fatto sistematicamente risale all'era Prodi…) a lavorare sui contenuti di programma. Costruire un piano ben strutturato di proposte di riforma e di intervento su tutti i fronti urgenti, ma in modo sintetico, non con le 72.000 pagine del programma dell'ultima legislatura prodiana. Per fare questo è giusto che tutti nel PD – soprattutto le nuove leve, dotate di una visione più moderna e meno condizionata dalla storia dei vari partiti che hanno costituito la sinistra – siano ascoltati nella loro propositività, in modo da creare una vera e propria costituente che in tempi brevi arrivi a un risultato concreto. Il punto però è che questo lo dice anche Bersani e, mi pare, anche la Bindi. Peraltro fuori dal PD sono già parecchi mesi che Di Pietro pressa proprio su questo punto e anche Vendola, per altri versi, chiede un'intesa programmatica. Quindi il modo sbagliato è che Renzi proponga questa necessità di un rinnovamento costituente mettendo l'accento sul conflitto piuttosto che sull'accordo. Il che fa correre il rischio di allertare ulteriormente i sostenitori del PD che possono vedere in Renzi più che un rottamatore un ennesimo deragliatore, che porterà il partito a ennesime lotte intestine e a una sempre più difficile intesa compatta finalizzata all'azione duratura e coesa di governo. In più, Renzi, da perfetto fiorentino qual è, è molto viscido nel modo di porsi – come tu più volte hai rilevato – e tremendamente ambiguo: punta a un successo personale? Punta a creare accordi trasversali anche con forse esterne alla sinistra? Punta a succhiare transfughi del PDL o a prendere voti a destra? Punta a immettere scintille di caos e prendere qualsiasi cosa sfugga al controllo? Non si sa. Forse non lo sa nemmeno lui! Staremo a vedere. Io, personalmente, al momento mi astengo dal giudizio: non ho dati chiari per esprimere valutazioni precise sul suo conto e sulle sue intenzioni.

  3. anonimo Says:

    Per me Renzi ha ragione. Sarà pure antipatico, sfuggente, berluschino, ecc. ecc. Ma ha ragione, questo PD deve cambiare soprattutto i dirigenti personaggi onsoleti che hanno fallito più e più volte. Non importa chi saranno i nuovi leader, non importa se non sarà Renzi ma c'è bisogno di rinnovare alla grande!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: