GATTI IMPAGLIATI

Lei non lo sa, ma ha gli occhi di un animale che dopo la morte è stato sottoposto, per amore s’intende, a tassidermia.  Si era avvicinata per sparecchiare e notammo subito qualcosa di innaturale: una luce gialloverdeturcheseviolalillascreziatooro oltre a uno spessore, come dire, una strana prominenza dell’iride vitrea, anzi, plasticata, caratterizzava il suo sguardo. Dopo esserci accertati del suo vezzo a negare ad oltranza persino l’evidenza, avemmo la conferma che indossava effettivamente delle lenti speciali, cosmetiche, che, considerando  l’appartenenza comprovata alla specie umana, le danno quanto meno un’aria aliena. Il suo sorriso a tutta dentiera, inoltre, pareva leggermente in contrasto con lo sguardo corrucciato, immaginiamo per la durezza dell’esistenza. Esso si innesta su un viso con zigomi alti e guance scavate dalla fatica del lavoro, ma  in generale si può dire che la persona emana una certa fierezza, abbinata a una schietta e dignitosa generosità. E che un’intelligenza, seppure non molto coltivata, insieme ad un’apertura e una discreta curiosità verso il prossimo, la rendono spigliata e diretta senza essere sfrontata. La spettinatura permanente di una chioma ridotta, fortemente compromessa e indurita da trattamenti chimici di tutti i colori con stirature su tinture, completa l’opera e, infine, per non assimilarla a creature strane e non classificate, ci basti un’immagine: quella della gatta impagliata è perfetta, perché è così bella che sembra viva, anzi è viva!

Neanche un figlio è un animale impagliato da mettere su una credenza. Un figlio è lì apposta per  rammentarti vivacemente che quando gli adulti parlano tra loro di temi non adatti all’ascolto dei bambini, loro sentono benissimo, se lo ricordano e te lo ricordano prontamente e puntualmente a partire grossomodo dai quattordici anni. Ripescano nell’archivio vivo della memoria qualsiasi episodio di abuso del linguaggio e dei contenuti dalle conversazioni degli adulti in presenza dei figli, e ti rinfacciano di aver capito benissimo di quando parlavi delle abitudini sessuali di B., ad esempio, che è l’ambiguo papà di una sua compagnuccia… Siamo pertanto costretti a ragionare. Il dubbio è: quando gli adulti sparlano o nella migliore delle ipotesi analizzano e discutono amabilmente tra loro per scambiare informazioni e opinioni su fatti reali, lo fanno in presenza dei figli che credono distratti o tonti o sordi, oppure perché in fondo pensano di trasmettere loro una sorta di rapido rozzo ma  utile insegnamento? O, semplicemente, riproducono involontariamente un vecchio cliché, inutile se non dannoso,  difficile da abbandonare?

Occhio al gatto, dunque!

…e a proposito di animali impagliati, che di solito sono quelli che si vogliono esporre come trofei, qui proliferano cinghiali e daini, che eludendo la sorveglianza delle guardie del parco, si possono osservare soprattutto al tramonto. L’altroieri, dopo aver avvvistato il primo grosso cinghiale che poi dal bosco ha lanciato un verso inequivocabile di minacciosa paura, si è visto prima un bel daino di almeno quattro anni con grossi palchi a pala e diverse spine, che brucava lento e tranquillo poi un gruppo di giovani, tra cui due femmine. In ottobre i maschi combattono e si rompono le corna per aggiudicarsi le migliori condizioni riproduttive, mentre in primavera le perdono dopo essersi grattati la testa sugli alberi e in terra tra i rovi. Un palco raccolto dalla coordinatrice del censimento dei daini, aveva ancora tracce di sangue all’innesto e una rottura ormai annerita. Al tatto si percepisce un leggero vellutino di copertura della massa cheratinosa. Chirotteri, volpi, e nutrie nei pressi del fiume, insieme ai tipici pennuti della zona, non impressionano come i grandi mammiferi. Qui gli umani con spirito più sensibile e attento, preservano la natura già fortemente addomesticata nella sua varietà, intervenendo con attività di sfruttamento relativamente meno invasive. Altrove, invece, quale realtà prevale? Quella degli impagliatori di teste! Milioni di leghisti impagliati lo dimostrano… Milioni di italiani anestetizzati! Non mi passa dalla mente: i figli crescono con un acuto spirito critico che poi si spegne, si formatta in qualche modo, ma mi sa che abbiano capito una cosa, che per sopravvivere convenga far finta di essere impagliati, per dare una zampatina al momento giusto!

Tag: , , , , , , , ,

4 Risposte to “GATTI IMPAGLIATI”

  1. orso Says:

    Sarò demodè o anziano, non so, ma delle abitudini sessuali di chicchessia si parla solo in due, mai in 3 o +.

    Sembra invece che parlarne sia uno sport nazionale. E le più chiaccherone, spiace dirlo, sono proprio le appartenti al gentil sesso, che non si peritano neppure di scambiarsi informazioni sullo stesso soggetto passato di mano in mano.

  2. paolazan Says:

    se siamo così vanamente e stupidamente chiacchierone, gentili allora non si può dire… e faccio notare che: 1. qui si fa ammenda del danno arrecato, nell’eventualità che di danno effettivo si tratti, e si mette in discussione in tutti i suoi aspetti il comportamento degli adulti, per l’appunto; 2. i due soggetti parlanti sono un maschio e una femmina, entrambi responsabili dei contenuti della conversazione; 3. in quanto ad attitudine al pettegolezzo, sarà più diffusa nelle donne, ma quando tocca agli uomini, non sono certo da meno, raggiungono vette insospettate, sono insistenti e non mollano l’osso finché non acquisiscono quello che vogliono sapere, soprattutto in materia di sesso (chissà perché?)! 4. la fonte delle informazioni su B. era stata la moglie stessa in un momento in cui aveva i nervi scoperti!!! CONCLUSIONI: qui nessuno parla a vanvera; molte mogli testimonierebbero della sindrome di Marrazzo del pupazzo che hanno sposato, se si sentissero libere di farlo (le inibizioni spesso permangono, ma il gentil sesso, o meglio il sesso debole sta diventando quello maschile…); molti figli svegli criticano i genitori chiacchieroni, ma alla fine traggono utili insegnamenti e indicazioni sul comportamento più corretto da tenere, e se ne fanno un’idea personale!

  3. orso Says:

    Quando siete venuti a trovarci avevo preparato un regalino per voi, solo che poi chiaccherando e chiaccherando, mi sono scordato di darvelo.

    Chiedo pubblicamente ammenda.

  4. paolazan Says:

    pubblicamente ti assolviamo, ma tieni il regalino al fresco che poi passiamo a ritirarlo!

Rispondi a paolazan Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: