L’ULTIMA FIORENTINA

Ieri sera ho mangiato carne di bovino. Filetto e controfiletto, ha indicato il cameriere le due parti con un certo sussiego, mentre posava il piatto sulla tavola. Che fosse ben presentata e di ottima qualità, non v’era il minimo dubbio, ma io la sentivo scendere nella faringe con il piacere di una certezza: che quella sarebbe stata l’ultima volta.

Tag: , ,

6 Risposte to “L’ULTIMA FIORENTINA”

  1. orso Says:

    Una signora che ho conosciuto non sopportava che mangiassi il cuore. Le ricordava Biancaneve e il guardiacaccia. Eppure il cuore, oltre ad essere molto saporito, è anche ultra-economico. È il piatto di carne rossa della mia famiglia.

    P.S. La bistecca più buona della mia vita l’ho mangiata ad una steak-house di Wasington il secolo scorso. E con queste mie due confessioni forse mi sono perso definitivamente la tua amicizia.

  2. simonedejenet Says:

    Non userai più neanche il telefonino? L’auto? Il pc? 😉
    Meglio la fiorentina o lo smatphone? E quale dei due ha il maggior impatto ambientale …?

    • paolazan Says:

      le decisioni di questo tipo sono in parte razionali, in parte istintive… non abuso di tecnologia dunque mi sento in regola. ammetterai che la carne ci assilla da tempo: prima ne avevamo poca ora troppa intorno, per lo più di bassa qualità e pertanto insoddisfacente. uno smartphone mi può coinvolgere per la novità che rappresenta e la sfida operativa e intellettiva che mi pone, la carne ha proprio stufato! sono due piani diversi di approccio alla realtà e all’emergenza ambientale. sto sempre dalla parte della Riduzione dei consumi, del Recupero, del Riuso e del Riciclo: se il principio delle 4R è onorato, vado più tranquilla, sia in cascina a comprare carne di filiera controllata, non per me ma per chi è in fase di crescita, sia da qualsiasi rivenditore di trabiccoli miniaturizzati e multifunzione!!

      (e non ho uno smartphone, eheheheh…)

      • simonedejenet Says:

        Ne ero sicuro 🙂 Il mio è solo scetticiscmo di fronte a quelle che diventano mode: ora tocca alla carne, poi a chissà cosa. Intanto i nostri figli crescono a cornflakes e hamburger; beviamo caffè svizzero (in Italia!) e legumi americani.

  3. paolazan Says:

    ho appena raccolto ortiche e radicchio selvatico in un prato al castello di sannazzaro… ora vado a cuocer le erbe per pochi minuti e sarà una delizia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: