LE FRAGOLE DEL GOLF

Che Varese fosse (o sia stata) una città speciale, non ci son dubbi. Che nel frattempo, ossia da quando era definita La Città Giardino, a oggi, si sia deteriorata, omologandosi a diverse altre realtà medio metropolitane in cui il verde pubblico ma anche i parchi privati si siano ridotti drasticamente e le amministrazioni ne abbiano ricavato lotti edificabili e a margine i patetici giardinetti con le giostrine per bambini e le aree disciplinate per i cani, rappresenta ed è altrettanto una certezza.

I grandi progetti urbani dovrebbero mirare a creare o ripristinare spazi verdi dedicati al tempo libero, allo sport, allo svago, e dovrebbero avere una connotazione: un’estensione ampia tanto da far vivere a tutti coloro che ne fruiranno un vero sano distacco dal traffico, dai rumori, dall’urbanizzazione cementifera soffocante.

Perciò l’unica via d’uscita è puntare su una politica di riqualificazione degli spazi comuni, che devono essere davvero verdi!

Nonostante l’aggressione al verde preesistente, la natura talvolta dà prova di insistere e sopravvivere con vigore. Come si vede ai margini di un campo da golf, che in quanto attività produttiva, ben interpreta lo spirito imprenditoriale di soggetti geneticamente devoti al lavoro come i varesotti, o varesini…

I terreni attorno ad una villa storica di S. Fermo sono stati trasformati, a partire da una dozzina di anni fa, in un delizioso green, molto meno artificiale di altri…(ma sarebbe opportuno sapere quanto anche questo interessato dall’uso di fitofarmaci che hanno lo scopo di ‘tenere sotto controllo le erbette non previste dal protocollo’…). Vicino al perimetro del campo, nei pressi della villa che domina la collina, è un gran proliferare di fragoline rosse e profumate http://www.giardini.biz/content/fragola-di-bosco#/sites/default/files/6 dis copy.jpg. Irresistibili! E mentre gli appassionati dello swing colpivano le sferette bianche butterate a suon di potenti mazzate, io raccoglievo come una vispa teresa (…) i delicati frutti (aggregati) butterati di acheni ma commestibili, e me li pappavo!

Entreremo finalmente nell’era dell’agri-golf (emblematico di una presa di coscienza vera del problema della conservazione ambientale e di una volontà concreta di agire in tale inoppugnabile direzione)?

Tag: , , , ,

2 Risposte to “LE FRAGOLE DEL GOLF”

  1. politepolarbear Says:

    Tu ieri fragoline di golf.
    Io sabato more di sentiero di campagna.

    Certo che lei, prof, con i suoi “acheni”, parla proprio complicato e forbito! Mi è toccato veleggiare su wikipedia per capire cosa fossero gli acheni, e neanche adesso ce l’ho ben chiaro 😦
    Pensi che li avevo confusi con gli Αχαίϝοι 🙂

  2. duca1degli1abruzzi Says:

    La natura vince sempre su tutto: tecnologia, moralismi e abusi vari.
    Spero che Varese non si venga a trovare nella condizione di Torino i cui “punti verdi” mettono tanta tristezza in un vasto oceano di “catrame e cemento”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: