ROSSO TANGO

Dopo le marron e le grigie, mi doterò di scarpette rosse.

Annunci

6 Risposte to “ROSSO TANGO”

  1. Transit Says:

    … Rosso Malpelo

    La mattina ci alziamo presto e stiamo tutti inguacchiati di sonno. Vorremmo dormire, ma le nostre mamme o le nostre sorelle o la voce del fantasma della Bella ‘Mbriana ci svegliano, buttandoci fuori dai letti che qui chiamimao strappentini perché sono piccoli come la cuccia dei cani; oppure ci tolgono lenzuola e coperte, quando ci stanno. Ci conosciamo tutti quanti e come piccoli fantasmi usciamo dai bassi, dai fondaci e dai portoni scassati o inesistenti. Eccoli uscire, sono Rosario ‘o Sicco, Michele Sferrazzo, Maria ‘a Chiattona, Gennaro Triccaballacca, Carmela Genovese, Giovanni ‘o Bellillo, Teresa ‘a Mariola, Leonora ‘a ‘Nfame, Giacomino ‘o Tbc, Vito ‘a Bicicletta, ‘Maculata, Rocco ‘o Pidocchio, Tonino ‘o Lattaro, Peppino ‘o Ferraro che poi così come Culo Chiatto e altri guaglioni prenderanno la strada dell’eroina, Salvatore ‘o Batterista come Geggè … ma mi fermo qui a nominarli: di quelli come noi stanno in tutto il vicolo, nell’intero quartiere e per capirci in tutta la città.

    Siamo un sacco di gente; siamo assai ma proprio assai assai; siamo come le mosche che non finiscono mai e che danno fastidio; siamo come un esercito come si vede nei film di Maciste e i babilonesi; ma però anche se è un esercito è un esercito tutto sciamannato che esce a uno alla volta dalle file delle case e dei bassi. Ci salutiamo, sorridiamo, ci fermiamo a parlare e poi ognuno o a gruppi prendiamo la strada della fatica, anche la strada della disoccupazione fuori ai bar è una fatica: bisogna sempre aspettare qualcuno che ti viene a chiamare: mò come allora agli angoli delle strade e nelle piazze la mattina presto ci trovi i guaglioni neri come il carbone: aspettano che qualcuno scende da una macchina e gli dica : Vieni tengo del lavoro per te.

    E quando ti vengono a chiamare per sfacchinare qualcosa ti guardano e si mettono a scegliere. Ci manca solo che dicano: Apri la bocca e fammi vedere la dentatura. Succede proprio così, come nel film il Gladiatore o in quegli altri in cui si parla della Bibbia e di Dio: i caporali e i signori di allora prima di compare o vendere uno schiavo se li guardavano ben bene nel caso fossero malati e mal messi fisicamente, altrimenti spendevano i soldi inutilmente.

    Abbiamo dai sei ai dieci anni e passa d’età e sono pochi quelli che vanno a scuola, la scuola è una cosa per la gente appatanata, quella che tiene i soldi e non ha niente da pensare. Insomma i signori perbene dei piani di sopra. Noi siamo quelli che anche se abitiamo sopra al quinto piano facciamo parte sempre di quelli di sotto, cioè dei bassi fronte strada. Spesso il pavimento dei basoli del vicolo continua nei bassi. Nero e grigio fuori e nero e grigio dentro. Il nero e il grigio erano presenti dappertutto, e per combatterlo si guardava il sole, si cantava la malinconia e si parlava ad alta voce per scompaginare l’eredità della miseria e della fame. I nostri mestieri erano: calzolai, muratori, fabbri, imbianchini, baristi, salumai … emigranti … operai assunti e licenziati … precari … lavoratori al nero, camerieri di giornata o di una notte … disoccupati e disoccupati organizzati …

    Si lavorava, si lavorava eccome quando ti prendevano lavorava, ma ti scucivano le pacche e ti pisciavano in mano come paga settimanale: una miseria per comprare appena da mangiare. E la sera a lavoro ci andavano pure le buttane del quartiere e i ragazzi che facevano le marchette i cui padri latitavano depressi o a ubriacarsi in qualche cantino di vino di cartelle, cioè adulterato e le mamme arrangiavano facendo le donne delle pulizie. Consiglia aveva quindici anni ed era figlia di Mariella ‘a Zellosa. Torillo se ne innamorò, ma quando una sera vide che nel suo basso faceva entrare certe uomini fuori quartiere cacciò un coraggio di leone e anche se non era il suo fidanzato ufficiale la uccise di mazzate. Andò in galera a scontare anni e anni di carcere, poi lo fecero uscire perché aveva un tumore inoperabile e ora é al cimitero nuovo di Poggioreale.

    Noi tutti Rosso Malpelo lo abbiamo conosciuto di persona, ma non abbiamo paura di lui come spiritillo o fantasma che ci viene a trovare in sogno e ci fa mettere paura. Lui esiste in carne ed ossa e ce lo portiamo dentro, sulla pelle, nel sangue e certi momenti guardiamo la vita come faceva lui. Noi moriamo ogni giorno e lui ogni giorno vive. E non si tratta di avere coscienza oppure no, di capire la politica oppure addirittura essere un padrone o un fascista o un sicario prezzolato: Rosso Malpelo è nel nostro sangue e possiamo solo ucciderlo ancora o farlo vivere mentre respiriamo, camminiamo, soffriamo o tradiamo. Non è poco e non è molto, ma è la nostra vita, la vita che fu di Rosso Malpelo.

  2. Transit Says:

    Soli
    nell’universo

    lacerati
    dalla millenaria forza.

    Soli
    popoliamo le strade,

    le isole, le penisole,
    i continenti,

    i tuguri, le case di fortuna
    e quelle popolari;

    i marciapiedi,le fabbriche,
    gli angoli della disgregazione,

    gli ospedali, i letti attaccati
    al cielo per fare l’amore;

    e un pugno di terra per ricordare
    ciò che siamo stati;

    senza scordare la strada maestra:
    tornare a casa, la casa di tutti.

  3. paolazan Says:

    trans! ciao… i tuoi inserti sono i benvenuti, sul tema rosso ce n’è una vasta letteratura! non ti fermareeeeeeeeee

  4. Transit Says:

    Tutto

    (… il rosso e il nero, sentimenti, amore, ll’ammore ca more e se ne va dint’e bracce ‘e n’ato … rapporti proprietari … luna vicina … )

    Quanno se tratta ‘e ll’ammore tu pienze e dice: – Voglio tutto ‘e te -, invece, dovresti portare pazienza, per i tempi bui.

    Spesso l’amore, paradossalmente, porta finitudine. O forse una recita drammatizzata con baci, sorrisi, rose rosse e tutto.

    Tutto. Silenzio. Solitudine. Accorciamenti. Sparecchiature.
    Rovistare. Tutto. Tara, netto e lordo; vento, pioggia e tasche.

    Sbriciolare il pane raffermo per gli uccellini sul balcone lavato.
    Tutto. Il volo della rondine. Il fango preso con le ali, il nido.

    L’albero sradicato, il volo degli uccelli. il cielo plumbeo, la vista. La voce della telefonista dell’altro mondo. Tutto, niente e tutto quanto.

    L’uomo calmo attendeva la donna in macchina. Appena un bacio di bugia, una coltellata al cuore e l’ha finita. Tutto. Intera per sempre.

    Chesta femmena è morta appena aiere a notte;
    luna luntana te ne staje, silenziosi e freddi ll’uocchie tuje. )

  5. Transit Says:

    Era ‘nu pomeriggio chin’e sole quanndo Annarella bello e bbuono me dicette: Guagliò, jammuncenne a Parigge io e te, veneno pure Alfonso e l’Alfa sud e Teresa Imperato ‘a figlia d’o magistrato ‘e ncopp’o Vommero.

    Fuje tanta l’emozzione ca doppo mesi e mesi me tremmano ancora ‘e denocchie. E pe’ nun scunucchià, m’appuiaie vicino ‘o stipetto, facenno ‘a pate indifferente, talmente indifferente ca senza sapè né leggere e né scrivere comm’a nu furlocco me mettetto a cantà Indifferentemente. La quale Indifferentemente me piaceva, pure si ‘o protagonista d’a canzone suffrevo comm’a ‘nu cane.

    Oltre a cantà dint’a capa mia Indifferentemente, a Perzechella mia, comm’a nu cretino le rispunnette:

    -No!-

    E ‘a tanno a mmò, spisso, penzannece, aggio piagliat’o specchio e me so’ piagliate a ponie, schiaffune e fucuzzune mmocca. Perzechella m’aveva fatta spantecà, po’ dicette ca essa se senteva troppo chiusa e attaccata dint’o fidanzamento nuosto, pirciò, io arapetta ‘a gaiola e le dicette: – Vattenne Perzechè si staje a murì- ‘A verità propria, si vulimmo parlà, si ce steva uno ca suffreva chillo ero io e io sultanto.

    Quanno chillu pomeriggio essa me dicette ‘o fatto ‘e Parigge teneva ‘e ccosce mosce mosce, e nun tenetto ‘o curaggio ‘e dicere, anzi d’allucca ‘o munno sano: -Ammore mio carnale fujmmencenne mò mmò a Parigge. Figurati, sciusciù, ca saccio pure ca quanno scinne d’o treno o a l’aereo subbeto te vene a dicere: – Parigge è sempe Parigge, oppure, Vedi Napoli e poi muori.

    Si chesto ‘o saccio troppo bbuono pecchè proprio aiere hanno acciso a nu povero guaglione scagnannelo pe’ n’ato e facenno ‘o scippo a ‘na signora, essa carenna, llà ‘nterra é rimasta: ‘a capa era ‘nu granato apierto. ‘O saccio ca chesta songo cose overamente brutte ma brutte assaje.

    Comme ve steve dicenne, io cu Perzechella a Parigge ce vulevo ij, ma invece a vocca m’asceva sulamente No! Essa a me prià pe’ sotto e pe’ ngoppo, e io niente. Ma mentre le ripetevo No!, stevo mureve d’arraggia. E sapite pecché le dicette e ripetevo No?

    A Perzechella a vulevo bbene sempe: ero ‘nammurata comme ‘na pera cotta. Però a quano essa m’aveva lassate, io cercai di scordarla pecché ‘o sapite ‘o core ‘e scherza ca fa. Certo, penzaje pure ca si essa me vulevo purtà a Parigge e dicette anche ca si nun teneve ‘e sorde, nun mi dovevo preoccupare, pecché ‘e sorde ce metteva essa. ‘o fatte d’e sorde era overo: io nun teneva ‘na sfaccimma ‘e lira pecché ero disoccupato.

    Maronna mia, quanti vota me songo jttato cu ‘a capa dint’o muro. A verità proprria nu sacco d’amici e conoscenti me diceno: Mò sapimmo pecché si paricchio scemo, tiene ‘a capa tutt’ammulignanata.

    A Perzechella, ca teneva dint’o core, e ca pur’essendo non proprio bella né bona e né scisciona, me faceva ‘ntusta sempe, le dicette ancora No! pecché me mettevo paura di annammurarmi ancora cchiù di primma e suffrì ancora e cchiù peggio ‘e ‘nu cane. Cane pe’ cane, sapite comme me chiammo? Pure si nun songo nu pastore germanese, me chiammano ‘o stesso Rex. Ma songo sulamente ‘na via ‘e miezo: ‘nu bastrdo ‘nammurato.

    L’altro ieri, casualmente, ho incontrato Anna: ci siamo guardati smarriti … come per mettere a fuoco qualcosa di noi e senza volerlo, le ho detto:

    – T’arricuorde quanno me vulive purtà a Parigge?-

    – Si -, ha risposto. E lentamente è andata via.

    Nel trambusto del supermercato è calato il silenzio.

  6. Transit Says:

    ‘O nniro ‘e vascio
    (Il nero colore del basso o pianterreno)

    ‘O nnir’’e vascio è quanno ‘a matina te scite cu chillu penziero: ‘o penziero

    ’o ppane. ‘O nnir’’e vascio è ‘o culore ‘e ll’anema nosta.

    ‘O nnir’’e vascio è ‘o nniro
    dint’’a ll’uocchie d’‘e ccriature.

    ‘O nnir’’e‘vascio é ‘o core d’’e piccirilli vuttato mmiezz’’a via.

    ‘O nnir’’e vascio é ‘o nniro
    ‘e chi sfrutta ‘e ccriature facennele faticà

    comme si fosse ‘na cosa normale.
    “Pecchè, accussì, s’imparano ‘nu mestiere”.

    ‘O nnir’e vascio è patemo ca nun se arritira.
    Mò, sta friddo ‘nterra: è caduto d’o quarto piano;

    a cinquantacinque, anni steva a faticà ‘ncopp’a ‘n’impalcatura. ‘O strunzo ‘e mmerda, onesto e faticatore, è muorto.

    Pace all’anima di questo povero peccatore, ha ditto ‘o prevete.
    In ogni destino c’è la volontà insondabile del Signore, ha concluso.
    ‘O padrone di casa e ‘a signora ‘a dummeneca vanno a SS Messa:

    s’addenocchiano; cunfessano ‘e peccati; pregano ‘o Pater Nostro; e
    l’Ave Maria, comme petrusino ogni menesta, nun manca mai.

    ‘N fonneno ‘e dete dint’a terrasantiera e, se fanno ‘o segno d‘a croce; guardano ‘e sante d’e statue e d’e quadri, e diceno:
    Ora Pronobis, Amen e Così sia.

    E mentre sona l’organo, chillo antico, cu ‘e canne
    longhe – longhe ca saglie ‘n cielo, te piglia l’emozione.

    – Accussì è. E accussì adda essere – diceno ‘e vicchiarelle. I giovani non si fanno scappare ll’occasione pe’ dicere:

    -E’ overamente accussì: è ‘a volontà d’o Signore. ‘Nzomma, nun ce stanne né sante e né maronne: è ‘o destino nuosto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: