STRAGI E PREMI

Radio: fonte di informazione primaria. Mentre te ne stai al calduccio la radio va che è una delizia, fin dal mattino con Primo Movimento. Ho incorniciato la Dichiarazione di Dipendenza da Radio 3, naturalmente. Trofeo di una Festa di Cervia di qualche anno fa. Premessa per dire che seguono Prima Pagina e Pagina3 inframmezzate da Radio3 Mondo, ecc. e non ne posso più fare a meno.

Notizia n. 1: il sindaco di NY darà un premio di 10.000 $ alle famiglie di tabagisti che smettono di fumare in casa.

Notizia n. 2: è accertato che le tre donne morte nella strage di Newtown (old problems!), la direttrice, la maestra e la psicologa, hanno tentato di difendere e proteggere i bambini dalla follia omicida fino all’ultimo e forse davvero qualcuno si è salvato grazie al loro sacrificio. La facilità di entrare in possesso delle armi in U.S. è legata a un insopportabile, ignobile business. Chi richiama alla necessità di armare gli insegnanti per rispondere al pericolo di stragi è insano. E i genitori dei bambini uccisi, se le possiedono, devono consegnare le armi simbolicamente. Quale premio si può concepire per chi rinuncia all’arma-non giocattolo in una società in cui la creatività della libera espressione è castrata a favore dell’omologazione?

http://www.ilpost.it/2012/12/17/armi-stati-uniti-2/

Annunci

Tag: , , ,

Una Risposta to “STRAGI E PREMI”

  1. Marc Bellassai Says:

    Ignobile business – sums it up nicely…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: