PANE E TULIPANI

O crisantemi. Per i morti di povertà che del pane contavano amaramente da mesi le briciole. Per la morte della politica, per la fine della consapevolezza degli elettori, incapaci di scegliere i propri rappresentanti. Davanti a una prospettiva di nuovo governo per questo Paese, i Renzi e i Franceschini non trovano niente di meglio che proporre accordi con la destra, quella destra il cui apparato è implicato fortemente nello sfacelo economico e sociale che è sotto gli occhi di tutti.
I nuovi arrivati in parlamento intanto vanno in gita in campagna col pullman. Ad ascoltare le istruzioni del Grillo parlante. Che favorirà le larghe intese a destra per godersi dal terrazzo sopra Genova lo spettacolo dei bastoni. Ma un disobbediente Corrà, leggermente critico, non aderisce proprio mentre, ingrati, un allineato desideroso di abbeverarsi alla fonte di verità, viene dimenticato all’autogrill, nella consueta sosta!

Annunci

Tag: , , , ,

3 Risposte to “PANE E TULIPANI”

  1. Transit Says:

    … [ Per la morte della politica, per la fine della consapevolezza degli elettori, incapaci di scegliere i propri rappresentanti ] …

    Sottoscrivo, innanzitutto, quanto sopra.

    E per la parte finale del post chiarisco che non sono del M5s.

    Però, pur restando a sinistra della sinistra, sto pensando che nell’eventualità di nuove elezioni, quasi quasi voterò M5s. Scelta che sto maturando in questo periodo, per un ragionamento, a mio parere, strettamente politico.

    Bisogna mandare a casa questa classe dirigente sia del centrodestra che del centrosinistra, compreso il capo dello Stato.

    In verità questa classe dirigente trasversale la ridurrei nelle stesse condizioni di chi oggi è ridotto un disoccupato, un esodato, un cassintegrato, un licenziato, i pensionati con la minima, i poveri che aumentano, gli sfrattati eccetera.

    In Italia i politici non sono mai responsabili dell’incuria, delle tragedie di povertà, sanità sempre più dirottata nella privatizzazione, anche quando chiudono le cliniche private, disoccupazione, migrazione, sofferenze e conseguenti morti.

    (oltre che delle stragi: è bene metterle tra parentesi le stragi dello Stato, aiutato dal mafioso segreto di Stato, in combutta con i fascisti e le varie mafie. I cittadini sono bambini a cui non bisogna dire nulla, ma semmai educarlo a demagogia e falsa solidarietà e ridurlo al silenzio di una democrazia svuotata di voci reali, all’omertà, alla paura, e a chiudersi in casa).

    I nostri politici, questi politici da molti anni a questa parte, sono politici sensibili e propensi ai vantaggi personali,e a alle doppie e triple nomine assolutamente si, come manna dal cielo.

    E chissà secondo quale mistero i loro figli sono sempre intelligenti, preparatissimi e sempre pronti ad occupare pezzi di potere niente affatto piccoli.

    Il cielo, paradiso e regno dei morti e di Dio.
    Anzi, il cielo regno di Dio e perciò dei morti.

    Questo perché in cielo c’è il Dio accogliente?

    Forse il cielo è il regno di Dio e quindi dei morti, perché lui è magnanimo come un qualsiasi padrone, ma se il cielo è il regno dei morti quale paradiso sarà mai?

    Chi ha portato la croce perdonerà Dio? E non parlo del suo Figlio prediletto. Prediletto? E se fosse stato non prediletto cosa gli avrebbe rifilato? forse la cecità, la bruttezza e la malapuzza di una latrina; la disoccupazione fino alla morte; l’incapacità di vivere nella giungla dei giorni nostri; i figli tutti drogati comprese le tre(Carmela, Filomena e Nanninella più il trans Coccinella) del gentil sesso zoccole comprovate e esercitanti la libera professione a pieno regime come una fabbrica a ciclo continuo;una gamba di legno a causa di un incidente per recarsi al lavoro; un braccio troncato da una sega elettrica e cosi via.

    E in questo cielo, in questo cielo regno di Dio, saranno accolti coloro che per problemi economici si sono ammazzati … perché azzittiti nella voce e criminalizzati nel caso avessero inscenato una manifestazione estrema … salendo sul cornicione del comune e minacciando di lanciarsi giù nel vuoto …

    (a fronte, invece, della propria dignità sacra: … per chiedere aiuto … alla nostra sorda truffaldina parolaia incapace classe dirigente composta di carrieristi, intrallazzatori, corrotti e corruttori, venduti e spergiuri che si accordano nel segreto delle stanze parlamentari e in quelle nel nord della Padania Verde.

    Accusiamo lo Stato: la Chiesa arricchito regno di santi a tutto spiano; il Partito Rivoluzionario dei Lavoratori e il Partito Qualunquista dell’Egoismo ridanciano e del Profitto dell’Indifferenza.

    Ma l’intero popolo … italiano non ha colpa di queste morti?

    Popolo italiano chi sei, specie quando ti mostri indifferente ed egoista? chi sono i tuoi figli? chi è la tua famiglia, la tua gente? per quanto ancora giri la testa, la mente e la tasca dall’altra parte? la tua casa è un fortino inaccessibile? da chi ti stai difendendo? esiste solo la tua famiglia, il tuo orticello nel deserto della miseria materiale e morale? a te basta che i tuoi figli occuperanno i posti non solo migliori ma unici? e la domenica, prima del pranzo, affollerete la chiesa e il sagrato perché a milioni, per pregare.

  2. Transit Says:

    Il rosario delle nostre vite

    Noi, al di qua dell’uscio di casa,
    immersi all’oscurità normale dei vivi.
    E il sistema che ti annienta.

    Quando fuori splende il sole è un emozione.
    Allora la vita sorride a tutti e ti carezza
    come un bambino.

    Una cipolla, un pezzo di pane bagnato
    sotto l’acqua della fontanella e un bicchiere
    di vino rosso per saluto.

    Il rasoio di luce oltre la porta è una cecità
    di secondi. I nostri passi insieme,
    la sedia e la vita dilegua.

    Stavolta è un cappio di una vecchia corda
    che non ci è costato nulla: soltanto la vita.

  3. paolazan Says:

    c’è tutta una corsa al recupero del concetto di reazione e rabbia allo stato di disagio economico: basta suicidi, spaccate la faccia a un ricco se non divide il mantello con voi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: