IL TRASCENDENTE SECONDO RINO

Non darò le coordinate per individuare la collocazione del Rino in questione sulla faccia di questa Terra. Ma, Rino, garantisco, c’è. Dio, non so. Rino, per fortuna, sì!

Una pubblicità dell’UAAR recita: DIO (con una X sulla D, perciò si legge IO), sto bene così! Senza D.

Era quello che cercavo di spiegare a Rino. Anzi, che raccontavo a Rino. La pubblicità dell’UAAR mi interessa relativamente, la tiro in ballo perché mi è capitata sott’occhio recentemente. Ma il succo è lo stesso. Uno stato mentale senza DIO. O meglio, una consapevolezza dell’importanza storico-antropologico-filosofica del concetto di DIO, percepito serenamente come retaggio culturale, rende la vita densa quanto basta, nella misura più naturale possibile. Il resto è artifizio. Adesione con valore sociale anche irrinunciabile, è comprensibile, ma artifizio.

Estraggo dal testo IL CONCETTO DI DIO DOPO AUSCHWITZ di Hans Jonas, regalatomi da Rino, un dato che mi pare cruciale:

Dio non sarebbe più concepibile come ONNIPOTENTE. Fallisce se gli si chiede di sollevarci dal MALE, dalla sofferenza, perciò non è nelle sue facoltà evitarlo. Il suo POTERE si scontra con un LIMITE, sennò nemmeno di potere potremmo parlare, così come la LIBERTA’ si scontra con la NECESSITA’.

Mentre leggevo, sentivo lo stridere dell’attrito sulle superfici lisce come il lento cedimento delle unghie sugli specchi, in quanto l’aggrapparvicisi risulta inefficace.

Lo ammetto, devo ancora finire di leggere il libro, sottile ma richiedente concentrazione, e mille sono le distrazioni…

In attesa di compiere la mia mansione, e ben volentieri, vista la fiducia che Rino ed io ci siamo testimoniati, desideravo cristallizzare questo primo pensiero, impulsivo ma non troppo. Potrebbe persino accadere che si ribaltino le posizioni!

Mi balla ancora una D. Quella tolta dai creativi in forze all’UAAR. Se immaginiamo di giocare alla sostituzione o alla trasmigrazione delle consonanti, la D tolta a DIO per farlo ritornare IO, al suo stato naturale, si può ben trasformare in T e la si può altrettanto agilmente attribuire a RINO facendolo diventare TRINO, come DIO, secondo una certa tradizione. E il cerchio si chiude!

Annunci

Tag: , , , , ,

2 Risposte to “IL TRASCENDENTE SECONDO RINO”

  1. Claudio Says:

    Pensate: è il padrone assoluto, il tiranno, il tutto; l’uomo è
    una merda, un nulla, e pure l’uomo ha questa possibilità di farlo
    irritare e scontentarlo e mandargli a male un attimo della sua beata
    esistenza.”
    (Cesare Pavese.)

  2. paolazan Says:

    Infatti lo stesso Jonas parla di un DIO CREATORE PENTITO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: