SGUARDI DI DONNE VELATE CON NUVOLE E NAVE

se non ora quando

donne velate che parlano

Annunci

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “SGUARDI DI DONNE VELATE CON NUVOLE E NAVE”

  1. Transit Says:

    Uocchie ca nun vedono

    Cielo azzurro e nuvole spase ‘o sole:
    uocchie ca parlano ‘e luntananza.

    Uocchie ca diceno chello ca rimane
    annascunnute dint’e sopracciglie.

    Onne ‘e mare ca portano luntano,
    ma pure ‘nfunno cchiù ‘nfunno,

    addò ll’uocchie nun vedeno, e
    ponno solo immaginà ‘o dolure.

    Uocchie ca volano ‘ncielo pe’ ffà
    cchiù ambresso p’accarezza

    ‘e ccriature ‘e latte e ‘e piccerelle
    senza mariti e senz’ammore.

    L’uocchie so’ cchiù veloce d’a luce;
    portano ‘o rispiro senza tiempo d’o core.

  2. Transit Says:

    Uocchie dint’e vestiti.

    Uocchie ca guradano ‘e lato e ‘ncielo.
    Songo ‘e mamma e ‘e ‘ndurate figlie.

    Uocchie c’aspettano ‘o tramonto e,
    nel frattempo, appicciano ‘e stelle.

    Uocchie ‘e femmene ‘ncatastate
    d’o putere ‘e ll’uommene e,

    d’a parola ‘e dio, mentre ‘o viento
    s’annasconne mmiezz ‘e palme e

    sagliescinne r’e dune, gobbe
    di mostri ca nasceno dint’o scuro

    d’a nuttata. Uocchie ‘e parole
    ca dormono dint’e vestiti.

  3. paolazan Says:

    autorizzami a pubblicare i tuoi versi a fianco delle foto, e dimmi con quale nome o pseudonimo!

  4. Transit Says:

    Come vuoi tu, anche se non voglio essere stritolato dalla fama, dalla notorietà e che da una mappata di vil denaro. E ppo’ mi sfasterio stare lì a firmare autografi. Chiaramente stongo pazzianno. Fai tu tanto a Milano nisciuno me cunosce, nemmeno tu. ‘Nu vaso.

  5. Transit Says:

    ‘O picciriddu

    Claudio, piscanno ‘nfunn’o mare, p’abbuscà
    ‘na cosa ‘e sorde, è rimasto ‘ngaramato.

    Quanno si venuto ‘o munno chiagive:
    nun era ‘nu capriccio, ma pe’ salutà
    ‘a vita comme fa ogni criatura.

    Po’ si addivintato guaglione di sole
    e di mare: te tuffave a ncopp’a
    ‘nu scoglio e ghive ‘nfunno a Scopello.

    E vicchie antiche cu ll’uocchie asciutti,
    dicevano: – Fatte curaggio a mare,
    nun ce stanno taverne.

    Sei rimasto sotto comme ‘na statua ‘e sale:
    n’onne oggi, n’onne dimane è ‘o mare
    te cunzuma ‘o core.

    Si figlio ‘e Poseidone, staje mmiezz’a culonne
    e porticati greci, fluttui e alle catene piangi

    la vita che nun era pe tte, ‘nzieme a Palinuro
    e la schiera degli schiavi delle Piramidi.

    PS: Dietro le donne velate c’è il mare con le sue onde agiatate e schiumose e poiché Claudio un ragazzo di vent’anni è morto in mare per pescare e guadagnare qualcosa di soldi, posto anche quanto sopra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: