LA SEDIA ACCOVACCIATA

AHI, da oggi a Baggio - Biblioteca - via Pistoia, 10

AHI, da oggi a Baggio – Biblioteca – via Pistoia, 10

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “LA SEDIA ACCOVACCIATA”

  1. paolazan Says:

    te g’ho combinà ke un al s’è santà e al s’è sbusà il pantalon!

  2. Transit Says:

    Rappresentazione con donna avente mani in faccia che non nascondono del tutto il volto e occhiali dalla montatura in testa tra i capelli fluenti che sfocia nella cruda realtà fattuale degli oggetti.

    Chesta femmena ca vuje vedite cu ‘ e mmane nfaccia in segno di disperazione è ‘a maranna quannno ncopp’a croce murett’ ‘o figlio suio bello. ma sia essa, ‘a Maronna, sia ‘o figlio, chiammato Gesù di Nazareth avavano recità pe’ forza le parti che o’ Pataterno l’aveva assignato dint’a commedia La Trinità. Infatti il grido di dolore nun esce d’a vocca d’a femmena dint’a sta fotografia ca si dispera, ma innanzitutto ‘o grido di dolore e disperazione vene a ncopp’a seggia: e si ce facite caso, chesta è ‘na seggia umile, ‘na seggia di chiesa o dei circoli ricreativi operai cattolici e nelle stanze dell’oratorio o in quei case delle periferie di una volta, ma se è per questo anche di adesso. Ncopp’a seggia ce stanno, a parte la polvere bianca, ca forse è nu sfregio o ‘na modalità p’addivintàschiavo e peggio ancora, ncopp’a seggio ce stanno tre lettere che messe ‘nzieme si lamentano e piangono anche senza darlo a vedere. Forse si vulessemo spaccà ‘o capillo in quattro o cercà ìo pelo dint’a ll’uovo, avessema dicere: Chella povera janca song’ ‘e lacreme ‘e chi nun crede nemmeno a Trinità e pirciò fa l’unica cosa che l’è rimasta: ‘e llacreme; lacreme ca fujeno dint’o vinet’ d’o munno sano. E se sape ca ‘a povere ‘na vota era marmo e dint’o marmo, diceva Michelangelo, stanno ‘mprigiunate ‘e statue. Ncopp’a seggia, pecchesto ‘a femmena ca vuje vedite cu ‘e mmane ‘nfaccia si dispera comm ‘a femmena dint’o chianto d’a tragedia greca, ce stà a trinità trasfurmate dint’a ddoje consonanti e ‘na vocale. Na seggia, ‘na femmena, tre lettere e ‘o marmo c’addiventa povere d’o munno. Ce stà chi ride, chi canta e chi dispera cu ll’uocchie a zennariell’, cioè di chi chiudendo ll’uoccie a fesura vulesse vedè oltre l’apparenza, ossia ‘a sustanza. O forse chesta ca cade a ncopp’a seggia è ‘a povere è chello dell’Expò ‘e Milano.

    Nu viecchie di novant’anni ca si piscava ncuollo mette ncita ‘na guagliuncella senza esperienza amorosa chiammata Maria e che sta sott’a botta rimene mbrussiounate, cioè ‘a mette ncintà. Ce stanno femmene ca subbeto jesceno ncinta e ate ca pe’ apsettà nu figlio devono andare fuori Italia.

    -Maroò, guradte sti nchiavicati(da un lato gi artisti e dall’latro gli speculatori e i pescecani del cemento e della sanita corrotta e privatistica in ambito pubblico)guasrdate vuje che sfaccimm’ è successo, Mò s’adda pure pulezzà, altrimenti vita natural durante, cioè la faccenda ricade sui più fessi, comm’ hanno lasciato, accussì rimane nei secoli dei secoli.

    @Qui questa sorta di racconto-sceneggiatura inizia anche a prendere il largo e molti sviluppi e prospettive si aprono e si allargano, proprio come fanno i fiumi in piena nel raccogliere acque proveniente da sopra, da sotto e dai lati.

    Ma però, me ne devo andare; devo uscire:’nzomma, tengo che ffà.

    @Le due foto non prescindono l’una dall’altra, perché i fotogrammi della scena muta in fotoromanzo per il monologo d’a femmena cu ‘a seggia(quella di paglia pure ci stava bene), sono le due facce della stessa medaglia.

  3. paolazan Says:

    sapisse Transìt o’ pecché mi mettev e’ mane in volto! molto prosaico motivo… ma si gggioca, si ggioca assaie e intanto si dice o vero!

    (tenevo un ‘bogno’ a dx e uno a sx… e mi fijo esperto in materia me facette mette ‘a crema sulfurea localmente parlando… accussì teneva due bolli bianchi sul viso totalmente inestetici, globalmente ragionando… il reporter mi disse ca nun poteva ripredermi in chillo stato pietoso ma che teneva prescia e un poteva aspettà che mi lavassi via i segni…: così nascono i fatti!) ((ah le foto fatte in seguito erano decisamente più banali))

  4. paolazan Says:

    e come al solito Transit coglie tutte le sfaccettature: quella politica con ricaduta sociale è la più bruciante!

  5. Carlo Says:

    Un’opera sul metadolore, la sofferenza a causa di altra sofferenza. Provocatoria sintesi contemporaneamente mistica (evidente il riferimento alla natività, ben colto da Transit) ed esistenziale (la vita, che origina e termina con dolore, a sua volta causa di altro dolore). Fulminante la transizione della sofferenza: la causa ignora l’effetto, che è sempre e solo altrui e altrove. L’indifferenza della sedia alla catena di dolori è l’indifferenza delle forze universali, che non conoscono sofferenza, essendone l’origine. La Zan intelligente ed anticonformista (doti congiunte, quando genuine).

Rispondi a Carlo Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: