STREGHE ORTICHE CAVALLI E ASINI

IMG-20160515-WA0015.jpgIMG-20160515-WA0002.jpegIMG-20160515-WA0000.jpegIMG-20160515-WA0008.jpegIMG-20160515-WA0010.jpegIMG-20160515-WA0016.jpgIMG-20160515-WA0014.jpg

Annunci

4 Risposte to “STREGHE ORTICHE CAVALLI E ASINI”

  1. paolazan Says:

    Vero. Compaio in alcune immagini, troppe. Ma non è per autocelebrazione, se non nella misura in cui mi sento al massimo alla pari degli altri animali, ma sicuramente meno fotogenica! Fossi stata nei panni della moglie di Umberto Saba non mi sarei offesa… e ribadisco che Giampiero Neri ha tutta la ragione a soffermarsi sulla bellezza del comportamento animale, non umano, e a ritenere che la sua descrizione sia di grande portata informativa e comunicativa, istruttiva e costruttiva.

  2. Giampy Shila Ed Ernesto Says:

    Ieri mattina sono stato a Borgomanero. Tra villette immerse nel verde a due passi dal centro, e un’espansione urbanistica sregolata e caotica, le varie amministrazioni che si sono succedute negli anni si sono scordate di inserire qualche spazio da dedicare ai parcheggi liberi. Le strisce di quei pochi disponibili sono tutte pittate di blu. Non costa fatica ammettere che mezzo miglio di passeggiata è sempre meglio che sprecare monetine duramente sudate. L’Agogna è un torrente rispettabilissimo per lunghezza e portata d’acqua. Ancora bambino piomba schiumando dai contrafforti del Mottarone dove nasce, raccoglie quindi il tributo dei torrentelli che solcano le vallate della dorsale che separa i due laghi, e, infine, artificialmente costretto entro due muraglioni rettilinei ma fortunatamente non ancora occultato da una gettata di cemento, attraversa Borgomanero. Dall’alto del ponte che lo scavalca ho notato un numeroso e starnazzante gruppo di anatre. Il torrente paurosamente ingrossato dalle piogge della giornata precedente le costringeva a rimanere in una specie di ansa in scala ridotta, sul lato destro, aderente al muraglione. Le ho osservate per lunghi minuti, ricavandone l’impressione che nel loro mondo il motore centrale intorno al quale gravita tutto l’universo sia il maschio. Esattamente l’opposto di quel che accade per gli esseri umani. I loro movimenti, rapidi e incoerenti in quello spazio così esiguo, davano comunque l’idea di costituire un linguaggio ben preciso. Per qualche motivo l’apparente casualità di quella danza mi ha riportato alla mente certi collezionisti dell’insolito del diciannovesimo secolo, i quali postulavano che gli incontri che un uomo fa nel suo passaggio terreno, quale che sia la loro importanza , esprimano ritmi e figure come un linguaggio sapiente ed organizzato, ancorché apparentemente casuale. Indirizzato ad un’anima perché possa raggiungere la compiutezza del suo percorso. Come per le anatre, intorno a me si svela tutto un balletto umano, di cui non afferro il senso, se non qualche nota slegata. In lontananza odo la sirena di un’ambulanza che si avvicina a gran velocità, e perdo il filo. In attesa della prossima evidente, ma frammentaria coincidenza.

    P.S. perché mai la moglie di Saba avrebbe dovuto offendersi? Per quella poesia?

  3. paolazan Says:

    Non avrebbe dovuto offendersi, infatti… esserne lusingata piuttosto. La assimilava a un pollo o a una vacca, ma mica era uno qualunque: era Saba!

    Mi preme sottolineare che le ortiche sono nel sacchetto semitrasparente che pende dalla mia mano mentre fotografo, fischiando per richiamare l’asina di fronte a me e che poi risulta in tutta la sua elegante imponenza illuminata e sospinta da un magico fascio di luce! (ottimo scatto di M.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: