BOTTE DI PAPA’ (una doverosa lagna civile)

 

Non posso tacere

con quest’ultima chiamata

dell’ennesima violenza

e di chi l’ha perpetrata.

 

Aveva un forno

e un garzone intorno.

I professori dicono

che non s’impegna:

finisca qui la storia,

con i libri è una gogna!

 

Non pare vero al padre

di avere generato

col figlio, l’operaio

e al tempo stesso

(non sono mica fesso)

di avere ricavato

con l’utile, il risparmio.

 

Ma son percosse tutto il tempo

dai quattordici ai diciotto

e verso i venti, una notte

scatta l’ira, finisce a botte.

Qui il giovane ha la meglio

braccio non alza a ripararsi.

Lo spintona e va in terra

con il culo dentro il cesto

che per estrarlo vivo

dovettero mobilitarsi in cento!

 

Padre manesco,

vecchio padrone

tua moglie ti lava ti cura

e ti accoglie,

malato e dolente,

si offusca la mente.

Dio ti abbia in gloria

ma rinasca memoria

di quanto dolore

hai seminato, e le ore

a perdere al bar, e le carte

mescolate a parte:

con quale destrezza?

senza cedere carezza…

 

Quel che ti meriti è

che lui, battuto e umiliato

ti dia l’arretrato

per cinque anni

di fiato mancato.

 

PZ, Sestri Levante 17.12.16

 

Annunci

2 Risposte to “BOTTE DI PAPA’ (una doverosa lagna civile)”

  1. paolazan Says:

    R. si è accorto di odiare (non so se si possa dire tanto, ma non trovo un’espressione intermedia, detestare sarebbe poco…) il padre quando proprio in questi ultimi giorni, allettato in ospedale, è stato chiamato dalla sorella e sollecitato a fargli visita. Lui si è forzato ad andare, era ora del pasto, non lo ha imboccato (non lo ha potuto fare! non gli è venuto naturale… non si è imposto di farlo nemmeno per pietas perché di pietas non ne prova…) gli ha piazzato un tovagliolo davanti, gli ha messo un cucchiaio in mano, gli ha stretto le dita a pugno sul manico…) e lo ha lasciato lì a sbrodolarsi da solo… imprecandogli in faccia il suo saluto rabbioso e se n’è andato di furia.

  2. Oggioni enrico Says:

    Brava, intenso …breve e molto significativo. …riflette molte realtà. …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: