Archive for the ‘biodiversità urbana’ Category

DURAZZO E TIRANA

marzo 18, 2018

IMG-20180315-WA0006.jpegIMG-20180315-WA0021.jpegIMG-20180315-WA0003.jpegIMG-20180315-WA0011.jpegprudentius-cotton-titus-7r-lower-largeoriginal.jpgIMG-20180316-WA0000.jpegIMG-20180316-WA0004.jpegIMG-20180316-WA0002.jpegIMG-20180315-WA0008.jpegIMG-20180315-WA0017.jpegIMG_20180304_182610.jpgIMG_20180306_114646.jpgIMG-20180315-WA0019.jpegIMG_20180306_123315.jpgIMG_20180306_122859.jpgIMG_20180307_230446.jpgIMG-20180315-WA0019.jpegIMG_20180307_230548.jpgIMG_20180312_231803.jpgIMG-20180314-WA0007.jpgIMG-20180313-WA0011.jpgIMG-20180313-WA0010.jpgIMG-20180314-WA0003.jpgIMG-20180313-WA0012.jpgIMG-20180313-WA0005.jpgIMG-20180313-WA0006.jpeg

Annunci

IL VIZIO UCCIDE LA VIRTU’

marzo 18, 2018

prudentius-cotton-titus-7r-lower-largeoriginal.jpgIMG-20180306-WA0005.jpegIMG_20180304_003048.jpgIMG-20180310-WA0000.jpegIMG-20180311-WA0000.jpgIMG-20180311-WA0001.jpegIMG-20180312-WA0004.jpegIMG-20180308-WA0021.jpgIMG-20180312-WA0018.jpgIMG-20180307-WA0001.jpegIMG-20180312-WA0006.jpegIMG-20180304-WA0005.jpgIMG-20180309-WA0001.jpegIMG_20180309_084352.jpgIMG-20180307-WA0012.jpegIMG_20180314_212625.jpgIMG-20180312-WA0016.jpgIMG_20180309_134912.jpgIMG_20180314_162355.jpgIMG_20180315_140720.jpgIMG_20180310_100431.jpgIMG_20180314_173220.jpgIMG_20180314_160740.jpgIMG_20180309_125551.jpgprudentius-cotton-titus-7r-lower-largeoriginal.jpg

MODA MARE CHE MUORE (zombie in tema)

febbraio 27, 2018

IMG_20180226_123121.jpgIMG_20180226_123133.jpgIMG_20180226_123209.jpgIMG-20180226-WA0011.jpegIMG_20180226_123251.jpgIMG-20180226-WA0019.jpeg

Grazie a Giorgio C. fotoreporter, che mi ha aperto un varco; simpatico lo stilista di Faenza che porta la mamma al seguito e fa sfilare la cugina con il cappottone imbottito dorato; spontaneo il mio vicino di posto che temeva di farsi prendere dal ritmo della musica e dimenticare di scattare… l’anziana buyer ben figurava ed io che ho scelto due capi della mia collezione autunno-inverno 1980-2001 non sfiguravo: maglieria made in Japan sotto e made in Italy (buyer Marisa Magni) sopra. Occhiali: Ferragamo.

Sfilata vintage open air con le amiche di tutte le taglie, coming soon.

TROVA LE DIFFERENZE IN UNA PREGHIERA SU UNA PANCHINA A VIAREGGIO

febbraio 7, 2018

IMG_20180206_100543.jpgIMG_20180206_100537.jpg

TROVA LE DIFFERENZE SU UNA SCALA CHE PORTA AL CASTELLO DI SPEZIA

febbraio 7, 2018

IMG_20180202_161942.jpgIMG_20180202_162023.jpg

RAZZISTA DELLA DOMENICA

febbraio 7, 2018

IMG-20180204-WA0001.jpg

Domenica scorsa, appena tre giorni fa, due individui entravano in una chiesetta di campagna solo per curiosare. Si poteva presumere una funzione in corso, visti il giorno di precetto e l’orario, ma prevaleva il desiderio di annusare il silenzio, l’atmosfera di raccoglimento, scoprire qualche opera d’arte rilevante, tipo madonnaconbambino o  lannunciazione ma anche unasantaritadolente o unsacrocuoresanguinante … vedere oscillare le fiammelle delle candele al solo passaggio… ascoltare il riverbero della voce, di un canone improvvisato…

Un tonfo tremendo interrompeva la concentrazione dell’officiante e dei fedeli, a causa di un tavolino, ricoperto con una dozzinale tovaglietta di generico pizzo, scaraventato in terra per aver distrattamente aperto la porta centrale, non chiusa per sicurezza, ma tenuta sommariamente accostata dal tavolino medesimo. Di lato, a destra o sinistra si doveva entrare, lo sanno anche i bambini! Tutti si ricomponevano rapidamente. La donna ammaestratrice degli stessi faceva leggere loro una lista di buone intenzioni. Poi attaccava con la chitarra dovetroveremotuttoilpanepersfamaretaaaaantagenteeeeee.

Uno dei due intrusi, lei, compunta, pensava guardando l’altare: Ohcccheccarinoc’èbingobongochedicemessa!

TROVA LE DIFFERENZE SUL BUS A BO

febbraio 2, 2018

IMG_20180123_062515.jpgIMG_20180123_062611.jpg

BUDAPEST? QUEST’ANNO IL 1° AGOSTO VOGLIO IL MARE… E ALTRE SUGGESTIONI

febbraio 1, 2018

pala.jpgIMG-20170802-WA0007.jpgIMG-20170802-WA0006.jpgIMG_20180107_215758.jpgIMG-20180113-WA0015.jpegIMG_20180117_103813.jpgIMG-20180114-WA0002.jpegIMG_20180117_103813.jpgIMG-20180115-WA0004.jpeg

… ne  danno il triste annuncio la mamma, le figlie

IMG_20180124_215656.jpgIMG_6135.JPGcornice e profilo 2.JPG

IMG-20170928-WA0030.jpgpala1.jpgpala2.jpg

POESIA SUGLI STIVALI RECIDIVA ARCI BG CONTRO I FASCISMI

gennaio 20, 2018

Perché gli stivali coprono e evidenziano calpestano e sublimano irridono e spaventano.

Rappresentano la grossolanità la rozzezza l’ambiguità la violenza del potere devastante soffocante schiacciante inutile.

Tema contenitore di pensieri cristallizzati infranti o non ancora evocati e stimolati dal suono della parola significante senza necessario o pressante significato

STI-VA-LI LI-VA-STI VA-LI-STI LA-VI-STI STA-VI-LI’ SVI-LI-TA TA-TA-TA’

e subito partorite con foga rabbia desiderio angoscia rancore stupore …

Dura e aerea pesante e evanescente.

Ordine e disordine nella lettura di opere raccolte per essere smembrate disarticolate e riassemblate declamate e dimenticate.

IMG-20180102-WA0016.jpeg

A ZONZO CON LA PANZA DI ELIO

gennaio 15, 2018

I suoni che comprendono la z sono irresistibili ecco dunque che la mia amica Percy con la i e anche con la s al posto della C vestita di giallo zucca con un cappellino nero che ha vagamente la forma della Coppola impreziosito da gocce sfaccettate pendenti è truccata sapientemente di Viola con tutte le tonalità fino a Rosa pubblica sui social le sue fotografie intitolandole a zonzo per l’Italia geniale

Poi va a teatro incontra la Crippa dell’elfo la avvicina la tempesta di domande come se la conoscesse Sì forse da qualche parte si sono incontrate e magicamente ne viene fuori un invito a pranzo intanto Prenotiamo i posti per andare a vedere L’acrobata che è la storia di una donna che da bambina è costretta a Fuggire dalle persecuzioni razziali del governo fascista a partire dal 1938 la famiglia decide di emigrare In Cile la sciagura la perseguita un terremoto fa 26000 morti e il padre non si riprende dal trauma della perdita del lavoro da ebreo emarginato e si uccide intanto lei sposa un cileno nasce la loro prima bambina malata e un secondo figlio sano che non riuscirà a sfuggire al destino implacabile di chi ha tanta rabbia dentro e vuole tornare nel paese dei diritti negati per farsi giustizia…

Nella sala bausch l’emozione è forte la Crippa recita in maniera naturalistica con un lieve quasi impercettibile scarto di memoria e si destreggia con quel corpo appesantito lui il nipote fotocopia del figlio ha grande energia ma tutto Ricorda tranne che la figura del clown che vorrebbe rappresentare ed è ancora più tenero quando veste i panni militari del rivoluzionario armato aveva 2 anni quando gli ammazzarono il padre insieme ai compagni ingenui in una Mattanza  nel 1987 per cui il capo della polizia oggi paga con l’ergastolo…

Crippa gioca sulla sapiente apparente goffaggine del corpo e sulla maschera del volto segnato dall’età e dal trucco pesante che non può essere altrimenti in scena… Lei pagliaccio da veterana quale è

Elio De Capitani sale sul palcoscenico a prendere gli applausi ed esibisce la sua panza di uomo di teatro sapiens

Le lacrime spuntano negli occhi degli spettatori soprattutto delle spettatrici un momento prima dell’applauso.

C’è chi non ha fatto in tempo a piangere. Via di corsa al mare.