Archive for the ‘silenzio’ Category

QUANDO SCADE IL 730

giugno 26, 2017

IMG_6502.JPGIMG_20170615_222904.jpgIMG_20170615_224126.jpgIMG_20170518_123857.jpgIMG_20170524_200056.jpgIMG_20170523_225328.jpgIMG_20170524_074555.jpgIMG_6499.JPGIMG_6498.JPGIMG_20170624_150339.jpgIMG_6504.JPGIMG_6497.JPGIMG_6500.JPGIMG_20170615_205022.jpgIMG_6508.JPGIMG_6505.JPGIMG_6503.JPGIMG_6501.JPG

IN PRIMA SUPERIORE

giugno 5, 2017

IMG-20170525-WA0001.jpeg

Ne ho viste tante in 30 anni di scuola ma un cartello così testimonia solo totale insipienza da ambo le parti. Come può un insegnante (maschio, prof. di matematica) scadere a questo livello di disarticolazione dei divieti e dei doveri? Il NON SI GIOCA A PALLA dei cortili dei condomini più restrittivi è ben più composto. La tragedia di questo dodecalogo raggiunge l’acme in ottava riga.

Si rida per non piangere.

PRINTEMPS

marzo 23, 2017

IMG-20170303-WA0011.jpegIMG_4691.JPGIMG_4690.JPGIMG_4695.JPGIMG_4699.JPGIMG_4698.JPGIMG_4697.JPGIMG_4704.JPGIMG_4709.JPGIMG_4706.JPGIMG_4705.JPGIMG_4693.JPG

Una festa di S. Giuseppe memorabile che testimonia la generosità e la buona volontà di tanti che tornano alla campagna,  nella splendida prospettiva di vivere pacificamente. GRAZIE al gruppo di musicanti e ballerini folk, ai fuochisti, alle cuciniere. Alla Betta. Alla Robi. A Enri. A Ste. A Miri. Poi …ehm, le foto si mescolano… sentori e flash di maioliche del Regno di Napoli! Gatti, gattoni, carote… Intrecci regionali. Gemellaggi, insomma.

SETTIMANA DEI NUMERI

marzo 15, 2017

IMG-20170307-WA0014.jpgIMG_20170310_230506.jpgIMG-20170315-WA0000.jpeg

SCARPE VECCHIE CERVELLO FINO

marzo 10, 2017

IMG-20170228-WA0007.jpegIMG-20170227-WA0011.jpegIMG-20170302-WA0012.jpegIMG-20170303-WA0001.jpegIMG-20170227-WA0017.jpegIMG-20170304-WA0011.jpegIMG-20170304-WA0005.jpegIMG-20170302-WA0007.jpegIMG-20170228-WA0005.jpegIMG-20170303-WA0021.jpegIMG-20170303-WA0013.jpeg

POESIA, NARCISISMO E UMILTA’

febbraio 17, 2017

Se l’umiltà è considerata universalmente una grande virtù,  gli umili sono i più ‘grandi’, le anime buone della società, rari come perle vere. E se tra quelli si possono annoverare i poeti o almeno alcuni estratti dalla categoria, la loro azione/produzione, allora, diventa superba. Paradosso o difetto lessicale? Solo accostandosi con umiltà a qualsivoglia attività, la si rende pulita, sublime, elevata veramente? Ma così dicendo, non si invita il soggetto ad autocondizionarsi in qualche modo? Ad autoregolarsi per essere socialmente più …accettabile, in fondo anche più accattivante? L’umiltà in quanto elemento di perfezionamento diventa vantaggiosa: si impara, si introietta, e la chiamerei piuttosto umiltà ‘secondaria’, acquisita. Pur sempre meritevole rimane lo sforzo. Stempera le tensioni, favorisce l’ascolto, polverizza la competitività, genera benessere.

Vale la pena soffermarsi sulla distinzione tra modestia e umiltà. Con la prima si indica la povertà degli strumenti di espressione, ad esempio, e… se il modesto ha anche umiltà, in virtù della sua, si spera, non modesta autoconsapevolezza, si ritira in buon ordine, non compete. Il fatto di conoscere i propri limiti lo eleva, per umiltà reale e realmente professata, ad un rango di modesto superiore, e non superbo nella sua modestia, come tanti modesti arroganti. Bel pasticcio, insomma!

L’umile acquisito dunque tenderà a nascondersi o tenderà a non schermirsi necessariamente, perché se lo fa, sa di essere imputato di vezzo? Stupirsi genuinamente dei riconoscimenti ricevuti e non cercati, è sintomo di umiltà.

L’umile colto e preparato ha il dovere di interagire ed aprirsi agli altri per trasmettere la sua sapienza. All’umile autentico però, forse, manca il senso dell’esibizione, perché è il narcisismo che lo alimenta, e il narcisismo parrebbe in contrasto con l’umiltà. Il narcisista si esibisce, anche senza arroganza, ma può incorrere nella doppia situazione dell’immodesto non umile e talvolta perfino nel caso dell’umile modesto.  Le eventuali finalità didascaliche che intendono trasformare la sua performance in ‘servizio’ socio-culturale, più umile o modesto, a seconda delle circostanze, non priveranno il soggetto in questione del gusto dell’esposizione/esibizione, sotto riflettori ben posizionati, né dell’applauso che ne potrebbe conseguire.

Infine, mi rimane un dubbio: ma cosa si intende per ‘falsa modestia’? Se solo i modesti sotto sotto se ne vantano un po’, i conti tornano. Sennò vuol dire che il confine tra i due termini, modestia e umiltà, è e rimane labile.

E non mi si tacci di ‘falsa umiltà’ se cito un articolo da prima paginetta del foglio quotidiano considerato per decenni il più autorevole e completo del panorama editoriale italiano: http://www.corriere.it/editoriali/alberoni/11_maggio_09/alberoni_40d5399e-7a01-11e0-a5b9-91021abd11c5.shtml da cui si può ancora prendere spunto per discuterne.

Come giunchi piegati, seguiamo il rituale di purificazione per procedere. L’atteggiamento di umiltà è imprescindibile per poter attraversare il nostro personale Purgatorio. Ecco dunque la natura razionale dell’umiltà come esercizio spirituale necessario, contro le prevaricazioni e le divisioni.

Ai poeti umili affiderei il necessario incarico di aiutare i modesti ad uscire dal loro piccolo impaccio, anche solo (e non sarebbe poco!) promuovendo l’istruzione e la diffusione della poesia presso di loro, lontano dalle torri d’Avorio, nelle periferie disagiate, tra le pieghe di un avanzo di società opulenta, senza precluderne l’esercizio a chicchessia. A tutti i livelli. Gioiosa e cantabile col suo ritmo di filastrocca. Pensosa e intima col suo vibrante afflato.

REALTA’ AUMENTATA

gennaio 4, 2017

IMG_20170103_125038.jpgIMG_20170103_085102.jpgIMG-20170102-WA0003.jpegIMG_20170102_162012.jpgIMG-20170102-WA0008.jpegIMG-20170101-WA0094.jpgIMG_20170102_161545.jpgIMG_20170103_084921.jpgIMG-20170101-WA0078.jpegIMG_20170101_115334.jpgIMG_20170103_084814.jpgIMG_20170101_113934.jpgIMG-20161231-WA0037.jpegIMG_20161231_173935.jpgIMG_20161231_164311.jpgIMG-20161231-WA0010.jpgIMG-20161229-WA0018.jpegIMG-20161230-WA0006.jpegIMG-20161230-WA0004.jpegIMG-20161231-WA0018.jpeg

L’INDISCIPLINATA

novembre 25, 2016

IMG-20161124-WA0014.jpg

TUTTI I NOMI (DEI MORTI) E DINTORNI

novembre 4, 2016

IMG-20161031-WA0001.jpegs.vinc.jpgIMG-20161104-WA0025-1.jpgIMG-20161104-WA0017.jpgIMG-20161104-WA0016.jpgIMG-20161104-WA0006.jpgIMG-20161029-WA0003.jpeg2nov1.jpgIMG-20161104-WA0010.jpg2nov.jpgIMG-20161104-WA0003.jpgIMG-20161029-WA0001.jpeg2nov2.jpg

LOREDANA

ottobre 20, 2016

Nessuno risalirà alla sua identità anche se il nome corrisponde al vero, datato e riconducibile a una bambina nata con marcata probabilità tra gli anni ’50 e ’60.

Il cane da adottare (a dx  nella foto sotto), nonostante la sua candidatura, non le sarà affidato poiché la donna non dà sufficienti garanzie sulla sua reale amabilità e propensione a occuparsene.

Gli amici umani del cucciolo vogliono accertarsi che il piccolo vada a stare bene, e non lo cedono a chicchessia pur di disfarsene.

È più randagia la Loredana del cane. Bisogna ammetterlo anche se duole.