Archive for the ‘Uncategorized’ Category

GUIDO FELICE CESARE

maggio 22, 2018

I nomi dicon tutto

se sei un discendente del tizio del tale

se sei un immigrato

oppure un locale… (cit.)

Della Gherardesca. Non v’è più traccia del nome del casato se non sui pannelli informativi che descrivono nelle antiche mappe la sequenza dei  proprietari di Villa Mondeggi.

Un mirabile esempio di gestione agraria collettiva senza padroni.

Must. Assaggiare la birra di Nicolò, le uova delle 14 (?) galline seguite da … Il vino di Antonio, il ragù di chianina e quello di agnello, i finocchi croccanti e saporiti, i formaggi freschi e stagionati  con la marmellata di fichi e il miele di castagno.

E la Ciemmona, cos’è?

La grande adunata di ciclisti con tutti i formati di cicli un’enorme Critical Mass a cui  i volontari di Mondeggi hanno dato da mangiare, ed erano più di 400 in una domenica che ha visto un diluvio catartico attorno alle tre.

Dolci le ciliegie abbattute in zona MoTa.

Annunci

POESIA ALLEGORICA AL FIPM, OGGI AL MUDEC

maggio 13, 2018

copertina vizi Filp.jpgcs festival letteratura.jpeg

GUERRA AI FLACONI

maggio 3, 2018

Quanti ne deteniamo sotto il lavello negli armadietti del bagno nei ripostigli in lavanderia nel sottoscala in garage? Un buon esercizio è ridurli a 4 o 5…  2 o 1. E quando il prodotto è finito, dopo espresso rito di sciacquatura senza spreco, li si avvia allo smaltimento nell’apposito contenitore differenziato, separando il tappo che è di materiale diverso, pervenendo ad una pausa acquisti ZEN di almeno 36 ore.

Riutilizzare i contenitori procurandosi le ricariche significa essere virtuosi. Ce n’è un tipo che si scioglie nell’acqua dopo aver agitato un po’. 

Fare tabula rasa, insomma, è salutare.

I flaconi soffocano il nostro spazio domestico!

Poi te li ritrovi al mare, frammentati e mescolati alla sabbia. E nell’acqua.

http://lab.gruppoespresso.it/repubblica/2017/ambiente/inquinamento_plastica_acqua/

 

SHIM SHAM A BIDDEROSA

maggio 3, 2018

IMG_20180425_110121.jpgIMG_20180423_174956.jpgcamino.jpgmoby.jpgIMG-20180501-WA0010.jpgIMG-20180501-WA0002.jpgIMG-20180429-WA0030.jpegIMG-20180429-WA0034.jpegIMG-20180424-WA0026.jpegIMG-20180502-WA0011.jpegIMG_20180312_231606.jpgIMG-20180430-WA0003.jpegIMG-20180422-WA0024.jpg

QUEL CHE LUI VEDE DENTRO L’ORGANO!

maggio 3, 2018

IMG-20180502-WA0052.jpgIMG-20180502-WA0046.jpgIMG-20180502-WA0049.jpgIMG-20180502-WA0047.jpgIMG-20180502-WA0045.jpgIMG-20180502-WA0048.jpgIMG-20180502-WA0050.jpgIMG-20180502-WA0042.jpgIMG-20180502-WA0040.jpgIMG-20180502-WA0037.jpgIMG-20180502-WA0038.jpgIMG-20180502-WA0043.jpgIMG-20180502-WA0041.jpgIMG-20180502-WA0035.jpgIMG-20180502-WA0036.jpg

CASA MUSEO A BARGA

maggio 3, 2018

nudo seduto.jpgpreferito.jpgtetto rosso.jpgsecchio vermiglio.jpgbulgara.jpgbulg.jpgcasa museo cordati.jpgcarro.jpgmanona.jpg

PIEGHE ORLI ONDE SBUFFI ALLA CHIESA DELL’ANGELO DI LODI FINO AL 6 MAGGIO

maggio 3, 2018

braille 1.jpgBraille 2.jpg

MEDEA IN VERSILIA

aprile 24, 2018

IMG-20180420-WA0000.jpegIMG_20180406_091426.jpgIMG_20180408_104915.jpgIMG-20180422-WA0000.jpegIMG-20180421-WA0004.jpegIMG_20180416_114509.jpgIMG_20180417_035359.jpgIMG_20180416_114543.jpgIMG_20180421_213006.jpgIMG_20180416_114509.jpgIMG_20180423_174614.jpgIMG_20180423_122222.jpgIMG_20180321_174139.jpgIMG_20180317_120810.jpgIMG_20180317_120933.jpgIMG_20180424_172321.jpgIMG_20180424_172337.jpgIMG-20180422-WA0043.jpgIMG-20180423-WA0014.jpgIMG-20180422-WA0038.jpgIMG_20180424_170145.jpgIMG-20180424-WA0022.jpegIMG-20180424-WA0024.jpegIMG-20180423-WA0000.jpgIMG-20180422-WA0033.jpgIMG-20180422-WA0032.jpgIMG-20180424-WA0020.jpg

MI CHIAMO GGGGINA

aprile 16, 2018

E vengo da Reggio perciò sono reggggina ahahahah

Quandd era una pppampiinna è succiess … o terremoto!

E menttchre crullavano tutti i Ccasi mia maddjre mi disss

Ggginaaa Sì dissss io Ggginaaa ssssì corri in cass e prendi qualcosssa di essenzzziale

Allora corsi su pe ii scali – mentre crullavano tutti i casi – e presi la macchina fotografica … No Ma che ddico… la macchina da cucire!

Poi mi spusai a Feliciantonio mio e nacquettero tanti bei pampiiini che iiia ci faceva sempre tanti bei vestitinnna camicinni bantaloncinn costumine e sottaninnn

Dopodddeché i figghi miei sa spusaro chi co Santina mia … i allltr nun m’arrricord … e nacquetttero tanti pei niputinn che iiiia ci faceva tanti pei majjuncinnn chi coi treccinnn chi puntarisss chi lisci cirocollllo collll alt o altisssm peccche iiia so maestttchra de majjja e mo ve faccc vede come se fa

Se prennn du ferrrr se mettnn sottt e ascellll dopodddeché se prennn file de lana o cotonn ritottto ma cheddico… ritotttttissssimo! i se cuminccch accussì ddritttt rruvesc dritttt rruvesc…

MISTERO TAPPO

aprile 14, 2018

In un’ala di un vecchio monastero le celle dei monaci (o delle monache) sono riadattate a foresteria e qualcuno passa la mattina a pulire e riordinare.

Dietro l’antina di un piccolo armadio sono riposte un paio di borse semiaperte da cui affiorano oggetti di uso quotidiano e forse casualmente un tappo souvenir come di quelli delle bottiglie di spumante, senza valore, con l’unico scopo, dopo averci giocherellato, di essere gettato … possibilmente nella raccolta differenziata del sughero giacché esiste il consorzio specifico.

Nella stanza, una grossa trave, con altre incastrate in diagonale secondo il tipico disegno, sostiene il tetto acuto, ad un’altezza di circa 2 metri dal pavimento.

Chi e con quale motivazione ha posizionato il tappo di sughero su quella trave, così come è stato visto subito stastagliarsi al rientro nel tardo pomeriggio nella penombra, sul muro spoglio dello sfondo?

Le indagini proseguono.