SOGNI E PERVERSOGNI A TEATRO

novembre 22, 2017

Le persone considerate generalmente ‘normali’ sono quelle che hanno sviluppato naturalmente e spontaneamente (o imparato a sviluppare al prezzo di un addestramento estenuante) la capacità di dissimulare la follia o il semplice strisciante disagio, rientrando nella normale strategia di adattamento e risposta a stimoli esterni. Ma, attenzione, in casi estremi le maschere risultano spesso più grottesche e fragili del vero volto, e la forte tentazione, il vero gioco, è… toglierle! Smascherare è uno sport sottile ed elegante.

Il teatro è il tempio, il luogo delle maschere, in cui si impara, esercita e visualizza la consapevolezza di sé su livelli plurimi. L’attore sa bene di essere diversa entità dal personaggio ma è l’uno e l’altro al tempo stesso. Contemporaneamente non può fare a meno di chiedersi che percezione possa avere lo spettatore della sua azione scenica che implica di solito (non nel monologo) la compresenza di altri attori, a loro volta coinvolti in un gioco di rimandi paralleli e speculari, tutti incaricati di esplicitare una ‘parte’, dopo averla studiata, interiorizzata, memorizzata, provata e riprovata fino allo spasimo. Gli attori sono folli. Sanno di esserlo e perciò sono sanamente folli.

Teatro Libero. La Bisbetica Domata. In scena: quattro donne e due uomini. Si intrecciano diverse modalità e rese: recitazione caricaturale, naturalistica (quasi), stilizzata. Nella prima la voce assume toni esasperati, è roca. La gestualità è clownesca e coerente. Si attenua, stempera e standardizza in seguito. La voce si ammorbidisce. Le tre sorelle strappano con maestria l’identificazione dello spettatore femmina, ci potrei scommettere. Stilisticamente molto convincenti. Da premio. Ottima tenuta dei tempi. Inserti ineccepibili. Ottima regia. L’attrice ambisex soffre di una commistione di ruoli e la sua strada è disseminata di ostacoli tecnici e testuali, ma qualitativamente raggiunge vette eccelse. Le cadute continue le permettono di mostrare la sua straordinaria capacità di adattamento e efficacia attorale. Modulazione della voce eccellente. Capocomico: fisicità prorompente ma un po’ statica. Nelle movenze e nell’incedere non è convincente. Distorsione non diagnosticata. Vive da regista la recitazione, forse. Impastate due parole… Un gap di memoria in Caterina. Prioletti esegue. Potenzialità costrette? Voto: capocomico 7, tutti gli altri 8.

W il teatro!

Annunci

AMGIDARAP

novembre 20, 2017

IMG-20171120-WA0014.jpegIMG-20171119-WA0078.jpegIMG-20171119-WA0058.jpegIMG-20171119-WA0106.jpgIMG-20171120-WA0012.jpegIMG-20171120-WA0020.jpegIMG-20171119-WA0070.jpegIMG-20171120-WA0027.jpegIMG-20171120-WA0035.jpegIMG-20171119-WA0068.jpegIMG-20171120-WA0018.jpegIMG-20171120-WA0033.jpegIMG-20171119-WA0075.jpegIMG-20171119-WA0072.jpegLOCANDINA MOSTRA SANGUINETI.jpg

DOMANI A CASA ALDA MERINI

novembre 20, 2017

LOCANDINA MOSTRA SANGUINETI.jpg

SANTA PASQUALINA PROTETTRICE DEI VIZIOSI LETTORI DI POESIA

novembre 9, 2017

deriu.jpg

Santa Pasqualina Deriu

FELTRI TITOLISTA E VENEZIA ASSEDIATA

novembre 9, 2017

Questo post doveva essere pubblicato ieri in tempo reale.

Il famoso (ma culturalmente pallido, insignificante e noioso) direttore di giornale si fa notare per aver istigato con le parole a sopprimere un politico. Un ascoltatore di Prima Pagina di Radio3 chiede di segnalarlo all’ordine di categoria, ovverosia dei giornalisti. E siamo qui a citarlo, cosa che rappresenta l’obiettivo (meno pallido) del succitato.

Sembra che nel frattempo le GN (grandi navi) saranno bandite dal transito nel Canale della Giudecca, al di sopra di una certa stazza. Non si può tollerare per una serie di motivi, tra cui i danni alle fondamenta dei vortici d’acqua creati dai motori, la presenza di carcasse alte come edifici a otto piani nelle vie d’acqua tra edifici alti al massimo quattro piani. Ma c’è un dettaglio: l’accordo diventerà operativo tra tre anni. Gli amministratori locali stanno studiando un piano di sviluppo di Marghera dove i turisti saranno dirottati. I 5000 posti di lavoro a rischio saranno salvi. Il precario equilibrio della laguna, no. 

Parliamo di kaki, un autentico frutto di stagione. La vera delizia è mangiare solo quelli maturi al punto giusto che si raccolgono direttamente, e possibilmente subito, senza passare di mano. Non credo che verrebbe spontaneo a un maschio qualsiasi di discettare sul piacere che offre il contatto del palato con quelle formazioni carnose petalose immerse nella polpa. Roba da femmine attente e esigenti per natura.

BOLSCEVICHI E MENSCEVICHI

novembre 7, 2017

IMG-20171105-WA0053.jpegIMG-20170523-WA0001.jpegIMG-20171029-WA0082.jpegIMG-20171105-WA0026.jpegIMG-20171105-WA0031.jpegIMG-20171105-WA0037.jpegIMG-20171106-WA0023.jpegIMG-20171105-WA0039.jpegIMG-20171028-WA0078.jpgIMG-20171105-WA0002.jpegIMG-20170519-WA0009.jpegIMG-20171106-WA0039.jpegIMG-20171106-WA0033.jpegIMG-20170523-WA0007.jpegIMG-20171106-WA0060.jpegIMG-20170522-WA0011.jpegIMG-20170514-WA0005.jpgIMG-20171106-WA0097.jpgIMG-20170518-WA0003.jpgIMG-20170518-WA0004.jpgIMG-20170518-WA0002.jpgIMG-20170518-WA0005.jpgIMG-20171106-WA0075.jpgIMG-20171104-WA0097.jpgIMG-20171105-WA0010.jpegIMG-20170514-WA0003.jpegIMG-20170518-WA0006.jpg20170525_112217.jpgIMG-20171106-WA0062.jpegIMG-20171106-WA0031.jpegIMG_20170514_121852.jpgIMG-20171103-WA0030.jpg

UOMINI E GATTI 4

novembre 6, 2017

M. ammette che se non passa l’aspirapolvere continuamente per intenderci considerato che è sempre fuori è quando torna a casa che gli prende l’assillo perché gli si riempie di peli bianchi e grigi poi deve sempre comprare quei rotoli di carta adesiva che finiscono troppo presto e alla fine ti rimane in mano quel manico nero inutile per spazzolare anzi per strappare via i peli dai vestiti di chi lo va a trovare e si siede sui divani. Impreca contro i gatti che sono l’eredità lasciata dalla sua ex moglie con la scusa che erano abituati a quella casa a quel camino a quelle ciotole a quelle attenzioni a quelle imprecazioni…

V. detiene il possesso dei due gatti di ordinanza dunque può far parte del novero ma rappresenta un’eccezione poiché le bestiole sono del condominio vivono sulle scale salgono e scendono e miagolano di fronte alla porta di ciascuna abitazione elemosinando elegantemente crocchette croccantini e croccavanzi, stazionano davanti alla TV sul divano al primo piano e poi anche al secondo sulla sedia e nel seminterrato… Uno si accoccola sul davanzale e bussa alla finestra ma raramente entra in casa ha più l’indole del dominatore del giardino e degli spazi aperti. Quando i vicini di casa si incontrano iniziano a parlare di qualsiasi cosa ma poi il discorso cade su di loro sulle loro abitudini sui loro passaggi sul loro stato di salute sul loro umore sulla loro presenza nelle dimore rispettive. E si sente più gratificato chi dai due è più visitato che è come dire essere richiesti e preferiti.

COUCH SURFING IN MANHATTAN

novembre 2, 2017

IMG-20171029-WA0087.jpgIMG-20171022-WA0019.jpegIMG-20171028-WA0093.jpegIMG-20171027-WA0013.jpegIMG_20171029_103804.jpgIMG-20171012-WA0009.jpegIMG-20171027-WA0020.jpegIMG-20171012-WA0011.jpegIMG-20170909-WA0079.jpegIMG-20171028-WA0104.jpegIMG-20171029-WA0021.jpgIMG-20170909-WA0094.jpegIMG-20171101-WA0022.jpegIMG-20171031-WA0069.jpegIMG-20171029-WA0088.jpgIMG-20171102-WA0006.jpegIMG-20171029-WA0064.jpegIMG-20171027-WA0011.jpegIMG-20171029-WA0077.jpgIMG-20171028-WA0102.jpegIMG-20171029-WA0003.jpegIMG-20171029-WA0074.jpegIMG_20171102_120715.jpgIMG_20171029_103724.jpgIMG-20171028-WA0076.jpeg

LAVINIA BELLA DI ZIA

ottobre 31, 2017

IMG-20171016-WA0003.jpegIMG-20170812-WA0025.jpgIMG-20171026-WA0016.jpegIMG-20171005-WA0073.jpegIMG-20171016-WA0001.jpgIMG-20171015-WA0024.jpegIMG-20171005-WA0083.jpegIMG-20170802-WA0017.jpgIMG-20170802-WA0009.jpgIMG-20170918-WA0005.jpgIMG-20170909-WA0052.jpgIMG-20170804-WA0018.jpegIMG_20171011_141408.jpgIMG-20170909-WA0052.jpgIMG-20171005-WA0078.jpegPARADIGMA 2.jpgIMG-20170802-WA0012.jpgIMG-20171014-WA0037.jpeg

UOMINI E GATTI 3

ottobre 30, 2017

Si aggiungono al novero E. e F. Casuale la successione. Si aggiorna la situa di R., esponente emerito della categoria già descritto, che soffre per lo stato di salute very bad dei suoi due tigrati. F. è da segnalare perché sarebbe un gattofilo al quadrato essendo stati quattro i suoi domestici fino a poco tempo fa ma dopo la morte di due si equipara agli altri che ne hanno solo due. E. fa eccezione: ne ha uno ma ne vorrebbe un altro, intensamente. Lo vede lo preconizza lo percepisce: è dentro di lui e partorirà presto.