Posts Tagged ‘assassino’

POLVERIZZAZIONE DEGLI INTELLETTUALI

ottobre 5, 2011

La prima mi mette meno in imbarazzo dei secondi. Anche se è della prima che ci dobbiamo maggiormente preoccupare. Le citazioni le lascio ad altri, ma qualcuno deve aver detto che CHI E' LIBERO NON SERVE, CHI SERVE NON E' LIBERO. Così l'intellettuale libero non serve, non si associa, rimane in una condizione di isolamento e le risorse intellettive di cui è portatore si perdono in una forma di  solipsismo.

Polverizzare uguale annullare.

Rostagno. Ricordarlo significa dare valore all'azione coraggiosa ancora oggi compiuta da giormalisti autentici. Pochi.

VERMICINO DOCET

ottobre 8, 2010

interessante dibattito su VIBRISSE bollettino a proposito di TV della sofferenza:

http://vibrisse.wordpress.com/2010/10/07/una-scomparsa-che-ha-sempre-fatto-il-pieno-di-audience-in-tv/

VAN GOGH, mio fratello

giugno 7, 2010


 

A differenza delle donne, che con la maternità, la casa e lo status le metti a posto quasi tutte… gli uomini aspirano sempre ad un posto al Pantheon!

Il nostro eroe contemporaneo, ormai alla soglia dei quaranta, ha studiato le Lettere. Il Sapere umanistico con ampie incursioni nei tradizionali dominii scientifici (per Lui tanto attraenti quanto vischiosi) lo permea. Padroneggia la Lingua, e con essa fa Satira.

Ma, ironia della Sorte, costringe l'Iguana genitrice, ad allattarlo e rassettarlo ancora! A Lei si stringe, pauroso.
Così elevato, eppure così larvato. Così proteso, eppure così rannicchiato e rintanato. 

Scrive di sè: Da oggi in edicola il nuovo numero di… a 20 pagine, con testimonianze dell'esistenza di tal me, autore senza più vita, maschio che valeva assai.

(…) veramente l'espressione di un animale detto individuo umano va ben oltre le battute di satira o arti. tal van gogh lo disse tagliandosi l'orecchio, non lo udirono.

(…) maledetti chiesa, buddha, new age e tutto ciò che anche nei più atei ha indotto questa illusione del senza carne.

(…) nemmeno la prostituta a cui van gogh mandò l'orecchio s'asteneva, ma lui morì disidratato da carni. maledetto anche chi glorifica uomini che lascia morir.

(…) a monte ci vado io, ultimo della lunga lista di chi ulula a lune ben distanti dal concepir pietà per sti cazzo di lupi
 
(…) un dì una femmina furba figa, razza ridotta ormai a tre esemplari mondiali, raccoglierà miei resti in urna cult.

(…) la vita non è un giorno sui prati ma un lungo niente intervallato da futili qualcosa. a te chiedon hai voglia? beh io voglia nn ne ho più. da soli le voglie passano

SINTESI SPARSA

marzo 22, 2010



 

1. Bisogna amazzonizzare il mondo, e non internazionalizzare l'Amazzonia, per depredarne le risorse.
2. Della Foresta il 15% è perso, il 30% intatto, il 55% danneggiato.
3. http://www.wired.it/magazine/archivio/2009/08/password/plinio-leite-da-encarna%C3%A7%C3%A3o-l-amazzonia-e-anche-vostra.aspx racconta chi è Plinio Leite da Encarnaçao.
4. I piccoli imprenditori veneti (de noantri) si autosopprimono per eccesso di senso civico, di responsabilità verso i dipendenti, per la vergogna e l'umiliazione dello sfascio economico. Domanda: non era così bianco il Veneto per via del radicamento capillare della Chiesa e dei suoi preti (sostentati dallo Stato)? Che ci stanno a fare questi se non sono capaci di sostenere moralmente gli individui in difficoltà (pecorelle smarrite o ferite…), che rappresentano un fenomeno così diffuso? Di che si occupano veramente i preti? E continuiamo a pagarli, anche?
5. Paura. Tema delicato. A vedere Angelo Izzo in tivvù, si può pensare che rappresenti, che incarni a buon titolo il concetto di mostro. Dà l'impressione di aver perfino scelto la carriera del mostro assassino, deliberatamente, scientemente. Gli piace aver assunto questo ruolo. Almeno così pare. Pare anche che, l'indicazione di aver paura di certi loschi figuri, pur conclamati, serva a coprire il terrore sottile che certi altri figuri, socialmente protetti e garantiti, emanano costantemente e impunemente. A dispetto del suo nome, Izzo non è un angioletto, certamente. Cinico e spietato, si è applicato sistematicamente nei settori del male, ha torturato e ucciso. Ma io non voglio e non posso credere ai cattivi istituzionali, solamente.