Posts Tagged ‘castelli’

PHILOSOPHY ON THE ROAD

maggio 20, 2012

3. Un’Ape istoriata ferma in un piccolo parcheggio a Cavandone, il paese dei raccontatori e del tasso millenario, attira l’attenzione dei rari passanti. Ape, non bestiola ronzante! Bensì piccolo mezzo a motore con tre ruote, amato dai contadini e piccoli artigiani o commercianti di poche pretese… Il grigio rosato della carrozzeria fa da sfondo ad una serie di disegni pseudonaif: casette, cime di montagne, il sole, le nubi… sulle portierine.  E, sulle fiancate del piccolo cassone posteriore, campeggia l’opera concettuale: la frase scritta con grafia elementare ma con qualche spigolo sospetto, che richiama le asprezze della vita, che non è prati fini di seta e gigli, bensì dura roccia!
Sull’Ape, due casse di acqua, il business del nostro trasportatore-artista-filosofo. Dura la vita di chi è così sensibile e propenso al bene e al bello, che per sopravvivere deve consegnare acqua, bene comune e gratuitamente disponibile, nell’inutile e dispendioso packaging, anche in montagna!!

4. Il vile attacco terroristico alla popolazione indifesa della scuola spegne la Notte Bianca dei Musei. La reazione che si aspettano gli architetti del terrore è proprio questa, con un obiettivo: impedire l’aggregazione sana dei portatori di pace, attraverso la cultura.

5. I guai arrivano a grappolo? Pare di sì. Gli operai del turno di notte ne hanno fatto le spese. I palazzi storici che ospitano i musei, le istituzioni, le scuole, le chiese, sono da stanotte inagibili.

PERETO O PERETA: QUALE BORGO?

settembre 3, 2011

Più di 200 borghi in Italia, certificati. Si contraddistinguono per l’effettiva conservazione degli edifici storici e dell’assetto urbanistico e paesaggistico.

Prendiamo ad esempio Monterado nelle Marche. Ha un castello. Ha un abitato abbastanza omogeneo. Ma, visto dal Giogo, si presenta completamente snaturato …con la fila delle improvvide villette a schiera! Chi le ha volute, non ha considerato il danno reale causato al borgo, che tale non è più!

Pereto in Abruzzo. Un avvocato sensibile e accorto ha salvato il mastio che domina imponente l’abitato. Non solo. Ha posto (fatto porre) un vincolo di rispetto dell’area che lo circonda (dev’essere molto influente questo avvocato…), ancora ricca di vegetazione, che lo fa stagliare nettamente sulla collina. Vabbé: la casa dell’ex sindaco rimane ben nascosta… Ragazzi, non si può pretendere tutto, eh!