Posts Tagged ‘catarsi’

ARTE E CATARSI

settembre 3, 2014

Luce della redenzione.

 

(…come non pensare ad Aldo Catarsi, l’amico,  il musicista toscano, compositore di brani famosi suonati in tutto il mondo, che porta con fierezza e genio un nome così impegnativo!)

ZUCCHE SPINOSE

settembre 29, 2011

D. è una donna timorata. Di suo marito. Marito-padrone. Lo detesta, ma non lo combatte. Lei 71, lui 75. Tutta la vita le ha ordinato cosa fare o cosa non. Esce dal mare e si toglie con affanno e rabbia la muta, retaggio dei tempi d'oro. Si presenta come un uomo deciso ma inquieto, attentissimo alla propria immagine si pettina subito col pettinino che lei gli porge senza sgarrare sui tempi. La tratta con sufficienza come fosse un attendente, subalterna, per non dire serva. La scena è sempre più sgradevole. Lei macina la sua rabbia. Ma magicamente (consapevolmente) D. ha trovato la sua via di fuga. Si iscrive ai corsi dell'Università del Tempo Libero. Dopo aver sbrigato tutte le faccende domestiche la mattina, naturalmente, va. Forse nessuno si accorge che lei esce. Tanto la tavola è apparecchiata, il cibo pronto in anticipo, per tutto il giorno. Impeccabile, inappuntabile. La scorsa settimana c'era la sottoscrizione al cineforum. Tessera annuale a 5 euro e visione di Habemus Papam gratis. La prossima volta 3 euro ad ogni proiezione con distribuzione di té all'intervallo, più una merendina. Prima lasciavano i vassoi a disposizione ma le sciure più avide o previdenti intascavano le merendine così ora passa una volontaria e controlla cosa acciuffano le manine rugosette.

L'ABBRACCIO MORTALE… DELLA FOCACCINA!

luglio 28, 2011

BLOGGI'
(per il consuntivo di luglio 2011)

1. Le persone (giovanissime) sui mezzi pubblici si siedono vicine ma infilano le cuffiette e non si guardano, nè ovviamente si parlano.

2. Sulla cima del monte che si trova sopra Villa a Calci nei pressi dell'altro più imponente Monte Serra, si arriva per un viottolo su cui ho trovato un acuminatissimo aculeo di istrice con cui in seguito mi sono punta e ho dormito per sette giorni… La cosa assurda è che, oltre la misteriosa casa rossa disabitata e adibita a ricovero attrezzi e deposito olive, si può procedere attraverso dei massi o spuntoni di roccia (pare conglomerato) e, giungendo a una piccola radura, si scopre che qualcuno vi deposita le rimanenze di un forno industriale, ossia panini o focaccine confezionate con la tipica plastichetta sottile e bucherellata con tanto di marchio… Chi si adopera per questa aberrante operazione? A che scopo? Discarica, banale!

3. Un bimbo esuberante e desideroso di comunicare perché forse mediamente nessuno gli offre la possibilità di farlo, nell'entusiasmo incespica nelle parole e racconta di genitoNi e MaZzellette!

4. In un piccolo borgo fantastico lontano dal frastuono della città, abita una strega buona che sembra una biancaneve dei nani deformati (come in uno specchio che li svirgola), scappata dalla favola e rifugiata in una piega del tempo.

5. Dalla casa del polacco ormai derelitta, le nuvole sfloculano rapidamente. Compare un cazzone, un diavolaccio e un angelo annunciatore. Premonizione, premonizione!

6. Catarsi.