Posts Tagged ‘collezionismo’

PILLOLE

agosto 11, 2009

Ieri all’Asinara, sulla navetta che collega Cala Reale a Fornelli, c’era una famigliola. Tre bimbi piccolissimi, dai cinque anni in giù. La baby sitter teneva la più piccina. La bimba si dimenava sul sedile e a un certo punto va a dare una capocciata al vetro. Non grave. Ma comincia a piangere e a chiamare la mamma che, con espressione forzatamente indulgente, da quattro posti avanti passa il ciuccio, di mano in mano come i secchi d’acqua per spegnere il fuoco. Alla fermata del carcere, il gruppetto scende e noto che la donna, quarantenne, ha un benefico rigonfiamento ventrale che denota lo stato di gravidanza: la quarta. CHE EROINA, esclamo, e mio figlio dodicenne: …CHE DEVE PRENDERE TUTTI I GIORNI!

EVVIVA!

giugno 30, 2009

Sono nate!

PLICA MELANICA

ha 18 sorelle!!

TESTIMONIANZE

giugno 29, 2009

…a sei anni avevo 10 chili in più. Mamma mi fece fare la dieta. A tredici anni ero 130 chili, il picco, poi son sceso. Ma mangiare è la cosa più bella del mondo.

PERFETTE SINTESI

giugno 16, 2009

1. mago zurlì e topo gigio (avvistato in ristorante zona castiglione chiavarese)

2. totò e luigi pirandello (brianza)

3. paolo poli e carmelo bene (maremma)

ESSEMMESSE

maggio 5, 2009

notte prof. …non hai incubi scolastici vero? pensavamo di tornare al gabbiano magari con voi cosa ne pensi? vado a fare i miei 50 km.. presa, ke bello! ah allora è spacciata… i sensi di colpa sono armi potentissime e sottilissime non appena lo ricevo ti aggiorno ti do una botta in testa mi prenoto già per l’estate potrei darci un okio anke stasera preferirei però … la schiena aromatizzata di sole vabbé tocca ripiegare la sua giornata fruttuosa la mia da ape operaia dominata oltre che pervasa dalle associazioni di idee ti saluto dal bresciano ma quanto vale questo 25 aprile?sempre un utile esrcizio mentale fare i turisti a casa propria curiosità perenne …  sarà intelligente di riflesso non s’illuda! fma diceva che per dipingere bene bisogna avere i piedi caldi le tue idee sono fantastiche come te sviluppiamole solitudine ristoratrice vista mostra futurismo mi dicono che i pulcini sanno contare e hanno capacità matematiche …sei a zonzo? ho finito la conferenza ora mi puoi chiamare fino alle 20.30 jac sempre meglio che cantarti tanti auguri AUGURI PAPILLA mille di queste alici mi son tolta un anno anch’io!! romanzata bene io ho terribili affondi di realismo mi illumina l’idea e pure il lampione come è stata l’inaugurazione? mi fai sorridere l’anima lavare i panni sporchi in pubblico  ehi pasqualina! iniziato murakama  ben

STASI e MAX AUB

maggio 2, 2009

UN MONDO DI IMPUNITI

…ho acciuffato al volo il libro più piccolo e sottile che c’è l’altro ieri prima di partire e l’ho infilato nello zaino (se devo essere sincera, perché è anche questo il tema del post e non posso nemmeno permettermi di omettere a questo punto, ho con me anche un saggio trascinato da mesi, ma qui mi riferisco alla lettura come puro intrattenimento – poi si può discutere e speculare all’infinito su cosa sia puro e cosa sia intrattenimento…), e questo fascicoletto di poche pagine con la copertina blu ruvida contiene una raccolta di dichiararazioni di assassini in fase di ammissione dei loro delitti.

Libretto nello zaino, radio accesa in auto. Notizia del giorno (giovedì): rinviata la sentenza sul delitto di Garlasco per ulteriori approfondimenti. Prenderà o non prenderà 30 anni? Innocentisti, colpevolisti e garantisti attendono. Sulla spiaggia di sabbia fine di Marina di Pietrasanta, metto la mano nello zaino per cercare qualcosa e ripesco assieme alla vecchia radiolina a cuffiette il piccolo libro blu, ancora ignara del suo contenuto. Di solito sono consapevole della provenienza dei libri che popolano la casa ma questa mi sfugge decisamente: non  è un regalo, non è un acquisto, non è un ritrovamento di passalibro… mah! Forse un omaggio della biblioteca…? In ogni caso, leggo.

Sulle pagine dei giornali le foto di quell’essere biondo e azzurro come un principe del male, altro che favole e principesse! Che ne sarà della sua intrapresa carriera di esperto in economia e finanza? Figurerà negli annali della prestigiosa Università Bocconi con la sua fotolina bionda e azzurra e occhialinata, tra i tanti united colors of… studenti e studentesse, si diceva una volta, rampanti? Io mi vergognerei. Collega di Stasi… Che macchia, che discredito!

Le dichiarazioni degli assassini di Aub, sono semplici e sublimi.

Le negazioni della realtà, le bugie, le mistificazioni degli indiziati, imputati che sono passati (e ripassano sempre nelle trasmissioni di info-distrazione di massa!) in carrellata sui nostri teleschermi negli ultimi anni, sono di una perversione insopportabile. Seguono il trend della politica e dell’amministrazione della cosa pubblica: non ammettere mai di aver messo le mani nella marmellata e continuare a sorridere! O se sei un  assassino, piangere di cordoglio per il morto al suo funerale…

Se Stasi fosse innocente, farebbe schifo lo stesso.

Saluti da Colle Wanda, Massarosa

USA E GETTA

aprile 27, 2009

Non è più sopportabile che oggi

si usino oggetti

ad alto contenuto energetico

per una sola volta,

senza pensare almeno alla loro

raccolta differenziata!

Ho visto montagne di carta e plastica in zona Tortona… INDECENTE! 

(E…a cosa sennò? al riuso!)

Guarda cosa fa REGIS-R!

al centre culturel français – milano

Inoltre,

BEST (UP) =

BELLO + EQUO + SOS TENIBILE

marchio dell’eco design fuorisalone, sottolinea l’importanza

della responsabilità

ambientale e sociale

del design

e ha un comitato etico-scientifico.

www.bestup.it  

propone un test di autovalutazione

per designer e imprenditori

del settore mobile-arredo.

IL MONDO DELLO SPRECO SI SCONTRA CON LA CULTURA DELLA CONSAPEVOLEZZA.

IL PRETESTO

aprile 23, 2009

A Porta a Porta c’era Garlasco. Al centro, il probabile litigio tra i due sui contenuti dei siti visitati dallo Stasi. Come movente.

Parla la psicocosa (…) della diffusione sempre più ampia di sesso virtuale rapido e distaccato.

Vespa si strofinava le mani, come al solito.

LEVANTO

aprile 12, 2009

!!!

inaugurato ieri a Levanto il

MUSEO DELLA CULTURA MATERIALE

a cura di www.renzobighetti.com

http://www.comune.levanto.sp.it/ICatalog/KATA_dettaglio.asp?pIdVista=2&pIdSess=1041282&pValoreCampo=1982&tipo_comunicato=2

CASE CHIUSE

febbraio 13, 2009

P. mi ha riferito che:

1. In Svezia all’inizio degli anni ’60, facevano firmare agli stranieri che soggiornavano negli alberghi, un’informativa sulle modalità di approccio verso le donne per strada o in altri luoghi pubblici: le molestie sarebbero state perseguite e punite. Si poteva invece usufruire regolarmente di servizi di sesso a pagamento in locali appositi (bar e nights), senza incorrere in censure o sanzioni.

2. In Italia, i cazzuti dai 18 in su, orfani delle case di tolleranza dal 1959, si servivano del mercato illegale e continuavano a molestare le donne, le ragazze  e le bambine per strada, in casa, ovunque.

3. Ma per lo più le ragazze continuavano a pensare che fosse un affare mantenersi vergini per contrattare un matrimonio più vantaggioso. Il moralismo cattolico imperava e copriva come una pàtina la vita vera degli italiani. Guai per chi è diventata l’unica realtà.

4. Sua moglie era certamente illibata. Così doveva essere. Prima del matrimonio era stata controllata a vista.

5. L’Italia era ed è un paese a tratti molto incivile, bassamente incivile, irrimediabilmente incivile e arretrato.