Posts Tagged ‘conventi’

FRANCESCO CONVERTIRA’ IL MONDO

marzo 30, 2013

Lo dice suor Maurizia, decana del convento della Presentazione. Concordo dal primo istante. Francesco ha sdoganato il concetto di ANTECEDENTE. La natura ci preesiste. Semplicemente vero. Dalla natura dipendiamo in tutto. Da quando parole come salvaguardia, tutela, rispetto, in relazione all’ambiente, si sono svuotate per l’abuso che se ne è fatto in assenza di opere concrete, ecco che CUSTODIRE è il termine che evoca la protezione-comprensione autentica di cui cose e viventi hanno un profondo bisogno per testimoniare se stesse nella verità.

ORTENSIE E ZUCCHINE

giugno 11, 2012

Sono un mare. Nei vasi, ma tutte vicine fanno un tappeto fluttuante. Violarosalillabianco. Qui c’era un convento. Prendo appunti sul mio portatilino. Si pone sempre il solito problema: fidarsi o non fidarsi della fonte delle informazioni? Questa è parziale ma attendibile. Dovremmo comporre un mosaico di versioni per averne un’idea più precisa. Il cesto dei limoni è quello di due settimane fa e sotto il sole si sono cotti! L’altra volta mi sono aggiudicata l’ultima arancia mangiabile. Quella gemella, che è ancora tra i limoni, è rinsecchita. La scelta è rinsecchire o ammuffire, nella vita! Torno a casa con una pianta di zucchina. Diventerà una zucchina milanese. Ogni riferimento a zucchine o zucchini realmente esistiti e citati anche in contesti atipici, è puramente casuale!

Sono ormai un numero rilevante gli orti in Milano. Quelli di Leonardo sono un giardino segreto, ma accessibile al pubblico. Lo sa anche la Maria Marinoni che l’orto è vincente! E ti propone il pane color carota, peperone, verde se non spinacio, zucchina, rosa a pois per le rape rosse mescolate alla farina… un’idea eccellente! La presentazione giovedì scorso ha coinvolto molti curiosi e i soliti A-Ortisti della Piluso, una banda di scalmanati e visionari che mentre mangiano, pensano a come trasformare, traslare, tradurre il concetto di cibo cibante le cellule, in alimento per lo spirito. Artedamangiare docet.

Gran soddisfazione per la chiusura dell’anno scolastico: un bouquet di relazioni, un gran concerto e domattina le ultime sorprese… non si può sempre prevedere tutto! Un margine di libertà è gradito…