Posts Tagged ‘divieto’

SOFFOCHIAMO

febbraio 11, 2010
…nel traffico veicolare commerciale con furgoni vecchi che sbuffano nuvole nere e privato inutile!
bici, bici, bici! trasporto pubblico elettrico o a emissioni controllate! convertiamoci!
le polveri sottili che vanno direttamente nel sangue e si depositano nelle arterie come le placche di colesterolo,
ci faranno vivere almeno 36 mesi di meno… roba da ridere! ahahahhahhhhhahhaah
è sempre una questione di qualità, infatti. 

La NUOVA SARDEGNA

agosto 30, 2009

La Pelosa, basta creare zone «fumo»

isola piana di fronte alla pelosa

Alcuni giorni fa, a firma di Federico Spano, la Nuova ha ben documentato il grado di maleducazione a cui la bellissima spiaggia della Pelosa è sottoposta giornalmente…

REPLICA

agosto 27, 2009
In merito all’articolo di Spano del 23 agosto sulle cicche della Pelosa…
 
Sono io la volontaria del blog contattata dal cronista.
Mi spiace, ma gli operatori del comune, non si sono visti! Sarebbe opportuno fare trasparenza sull’ora e le effettive modalità di raccolta dei rifiuti da parte dell’amministrazione, perché le testimonianze dei presenti sono negative, soprattutto per quel che riguarda proprio la raccolta delle cicche.
Gli operai portano via i sacchi neri e svuotano i pochi cestini esistenti! Ma la raccolta dei mozziconi fatta su larga scala, necessita di macchine che filtrano la sabbia (se ne vedono in altre spiagge, senza citare sempre il modello romagnolo!). Ovviamente una prevenzione seria sarebbe l’ideale e molti la chiedono: VIETATO FUMARE sulla spiaggia in genere e attrezzare aree per fumatori!
Grazie.
Paola Zan http://paolazan.splinder.com/

RIENTRO (per poche ore)

agosto 24, 2009
  • al Catinaccio, iscritto da poco nella lista del patrimonio naturale dell’umanità dell’UNESCO, si è svolta una manifestazione ambientalista per fermare la costruzione di ulteriori piste da sci. …ma intanto rimane l’invaso da cui pescare acqua da sparare sottoforma di neve artificiale: riusciremo a restituire all’ambiente terra e alberi?
  • bella e istruttiva la passeggiata dal Paolina, sopra Carezza. Grazie a Norbert e a tutti i partecipanti!Info: http://apritisangia.splinder.com/post/21114047 
  • deliziosa accoglienza a Casa Priska di Nova Levante: un saluto a Regina  e Albert !
  • segnalazione doverosa: il biglietto del treno FS da Trento a Bolzano costa 3.35 euro, ma il ritorno da Bz a Mezzocorona (tragitto più corto) costa 4.75! Truffa del biglietto provinciale! …conviene acquistare il Bz-Tn anche se si scende prima!! Aber… ruhe, bitte!  
  • una meranese ha sposato un trentino: scherza e dice che le servirà il passaporto per andare a trovare i parenti… in ogni caso la sua famiglia è di lingua italiana e sua sorella, che vive in un paese dove sono 10 italiani (tutti carabinieri!) su 300 abitanti, percepisce strisciante la discriminazione che su di lei è contenuta perché il marito è altoatesino… e si sente tollerata. Il valore delle testimonianze!

 

super PELOSA (commenti)

agosto 8, 2009

Pelosa, ore sette.

Una volontaria raccoglie le cicche (mozziconi di sigaretta, non per tutti il significato è chiaro: dipende dalla regione di provenienza) col retino.

I pochi presenti non possono non notarla.

Quando si avvicina all’asciugamani di un bagnante dice scusi, posso bonificare qui vicino?

Qualcuno lascia fare senza emettere una sillaba, i più ringraziano con un sorriso, una ragazza la vive invece come un’intrusione, un’ingerenza, sta per reagire ringhiando ma la madre la placa, conoscendola, e ringrazia velocemente.

Una signora sui sessantatré  con grandi occhiali dice brava. Dall’accento pare veneta. Viene da Padova? Esita. Da Vicenza? Sorride. Ecco… abitavo a Padova ma adesso mi sono spostata a Vicenza…Non si preoccupi, conosco la problematica! – fa la volontaria. Sa, mi sono azzardata una volta a dire a una di non lasciare la sigaretta nella sabbia… mi ha preso a maleparole… – Dica, dica pure, lo scriverò nel blog.. – Ah, mi ha detto: rompi… – Rompi-ca… o rompi-co…? – Sì, così… Ma poi tra loro amiche un po’ più in là hanno continuato… – Arrivederci e grazie!

Hanno anche partecipato moralmente:

– una coppia di Parma, lei belga, lui abruzzese;

– un nonno romano con i nipotini;

– una coppia di Sassari, lui sottolinea che la moglie viene da Salerno, hanno il posacenere e mi spiegano che è globulare per non far volare la cenere, si scagliano contro i fumatori incivili;

– un gruppo di ragazzi bellissimi (fisicamente proprio, si intende) e anche simpatici, di Varese. Varese città? Sì. – Corso Matteotti? – Sì, che combinazione! Mio padre aveva una bottega lì.. Nessuno fuma, e concordano sulla necessità di difendere la spiaggia dagli attacchi dei selvaggi;

– la venditrice di conchiglie, che trascorre 3 mesi alla Pelosa, fissa da anni; viene dalla Cornovaglia e non ne può più di vedere spuntare dalla sabbia tutte quelle orrende end cigarettes!

il ragazzo degli ombrelloni blu, che ringrazia senza enfasi, anzi apre il sacco nero al retino pieno di cicche e forse pensa  che la volontaria gli ha risparmiato un lavoro, lo ha fatto al posto suo… d’altra parte nessuno glielo impone! Nessuno pone divieti espressi, nessuno mette vasi di coccio con la sabbia in aree riservate ai fumatori… Fantascienza.

Alla fine parla con i baristi del chiosco, che sono molto sconfortati sulle condizioni di degrado della spiaggia. Che facciamo? Chiamiamo un reporter? Chiediamo di pubblicare le immagini di questo curioso fenomeno di lenta ‘erosione’ del patrimonio comune?

Fatto. Rita Fiori, la redattrice capo della cronaca di Sassari de La Nuova Sardegna, raccoglie la testimonianza.

 

 

PELOSA

agosto 7, 2009

Messaggio dalla Pelosa di Stintino: qui ogni mattina un drappello di volontari raccoglie i rifiuti lasciati dai visitatori del giorno prima. Mozziconi di sigaretta a chili! Quando verso le nove la spiaggia è già gremita, i volontari vigilano e intervengono per prevenire l’abbandono di ulteriori rifiuti e per sensibilizzare i fumatori, che vengono pacatamente ma con determinazione invitati a non lasciare le cicche nella sabbia… che non è un immenso posacenere pubblico! Un comportamento virtuoso anche minimo rappresenta il seme che germina lentamente ma inesorabilmente e produce nuove piante che porteranno frutti sempre più copiosi! L’esempio si diffonde, i bimbi incuriositi  aiutano spontaneamente e indicano le cicche che spuntano qua e là, gli adulti plaudono e riportano appassionate testimonianze di abusi vissuti, verso i quali si sentono colpevoli per non aver avuto il coraggio di intervenire e denunciare: ora capiscono che basta poco! La volontà di dare un contributo concreto a mantenere l’ordine naturale e la pulizia si fa sempre più forte e il gruppo cresce. Turisti innamorati della Pelosa, sardi allarmati per il deterioramento della loro Terra, si consultano e operano in sinergia: la loro azione silenziosa e pacifica è eloquente, parla chiaro a tutti, anche a quelli che si ostinano a nascondere la testa… sotto la sabbia!

W LA CANAPA

Mag 10, 2009

Dopo 40 anni di divieto a coltivarla, nel 1997 è ricominciata la produzione che va molto bene perché della canapa…

non si butta via niente!

Se ne fanno tessuti, carta, combustibile… cosmetici e farmaci. Non ha bisogno di diserbanti perché cresce rapidamente e non lascia spazio alle infestanti, non ha bisogno di fitofarmaci o pesticidi perché è resistente ai parassiti, non ha bisogno di fertilizzanti, richiede irrigazione solo nelle prime settimane di crescita. La Cina la sta introducendo massicciamente… non a caso!

(da Report del 10 maggio 2009)

IL MIO PRIMO KEBAB

aprile 22, 2009

Risale al 1984 quando giovane cameriera prima in Galles con progetto scambio tra twin-towns pro acquisizione english language e poi sguinzagliata per Londra a scialacquare il guadagno (gli ultimi pennies spesi a Camden!) un amico in servizio a Moylan House mi portò vicino a Piccadilly in una botteguccia con uno spiedo verticale che io non avevo mai visto prima e da cui con un coltellaccio, un omino rifilava tocchi di carne chiara che cadevano su un vassoio di acciaio e poi finivano in un panino a tasca. Rivelazione. In Italia era ben di là dall’apparire.

Ora, posso anche dire di aver casualmente constatato la diffusione dei kebab qui da noi, ma io non ne sono così appassionata anche perché mi sembrano inferiori a quelli di Piccadilly: morbidi, insalata fresca, cipolla-cipolla, salsina bianca autentica (quelli) e secchi, insapori con salsina omologata che sa di maio-schifezza e pomodori frolli-slavati (questi).

La questione non è mangiare il kebab per strada, ma è mangiare bene! Magari portiamoci da casa

 il panino con la cotoletta

e la foglia di lattuga intera che esce ammiccante dai lati, e troviamoci a mangiarlo in piazza Aquileia in barba alle bistecche argentine e alla fajita messicana!

In seconda convocazione propongo:

il panino con le alici fritte.

Seguirà la sessione della parmigiana, della frittata alle zucchine, della peperonata!

 

STIVALI E CALANCHI

aprile 4, 2009

Se dalla Torre del Marino prendete a sud est vi trovate a salire su per un colle che a un certo punto porta un segnale di divieto di accesso gigante e un cartello sotto che precisa: ECCETTO FRONTISTI.

Il fronte è un confine, un limite. E i frontisti ? Saranno quelli che camminano sul fronte, lo segnano, lo controllano. I frontalieri  lo attraversano ma i frontisti… NO! Vabbé, il paesaggio era così placido e… che di fronte a una salita ripida (ma davvero ripida come una pista di sci…), nella prospettiva di raggiungere un punto di osservazione ancora più interessante, non ho avuto dubbi. Ho oltrepassato il cerchione rosso e bianco che pensavo in fondo rivolto alle rare automobili che si avventurano lassù, pittosto che a un pedone, e inzaccherandomi per bene gli stivali, sono arrivata in cima.

Lì ho capito di botto cos’è il FRONTE: il cosiddetto fronte della frana in movimento! Era diligentemente segnato da paletti intinti nella pittura rossa a distanza di circa dieci metri l’uno dall’altro e evidentemente monitorato dai FRONTISTI!!! …geometri del comune, ricercatori, geologi: valenti addetti al FRONTE! (no, mi chiedo cos’è questa fregola per la parola fronte, che certo rievoca la guerra, in particolare la grande guerra con le trincee scavate nella roccia o nel tenero suolo e magari evocative anche di figure femminili di rottura col modello femminile più convenzionale, figure di transizione come le infermiere, le crocerossine, più emancipate e vicine al mondo crudo degli uomini – non che quello tradizionale non lo sia… ma certamente viene mooolto edulcorato… – mah!)

Insomma, l’erta e la zolla che si ispessiva sotto la suola erano tali da tenermi impegnata e avviluppata al suolo, da non lasciarmi lo spazio per volgermi intorno… Ma intanto il colle si assottigliava paurosamente, restringendosi fino ad avere la larghezza dello stradello. Come se fosse stato un cumulo di sabbia da cui un’escavatrice avesse tolto materiale, una torta morbida che il ghiottone avesse attaccato con un grosso cucchiaio, indisturbato… Ne ero talmente inconsapevole che la sorpresa fu assoluta. E  improvvisamente mi trovai in uno scenario duplice, speculare. La luce diffusa da un grosso cumulo di passaggio favoriva l’effetto della simmetria. L’erbetta che delimita la carreggiata a destra e a sinistra, pittosto fitta, non permetteva di scorgerne il bordo, limite, il confine, il fronte. Infatti il colle qui non scende in un dolce pendio bensì, in un tipico dirupo a costole: il calanco. Mi pareva di essere salita su una scala da imbianchino a dipingere un soffitto d’aria, a lambire il cielo.

http://it.wikipedia.org/wiki/Calanco

http://www.parks.it/parco.gessi.bolognesi/

http://www.icalanchidicivitacampomarano.it/