Posts Tagged ‘elezioni’

IL FORTE DI VERONA

Mag 9, 2012

Non è Tosi. Ma il complesso fortificato ottocentesco dedicato a Santa Caterina, ora in parte recuperato ai fini della fruizione pubblica. Tosi è stato rieletto per le sue doti di amministratore, ma qualcuno gli addebita insensibilità verso il patrimonio culturale, che non è solo la casa di Giulietta, ormai degradata a santuario dei graffiti dei turisti beceri. Tanto altro può essere reso alla cittadinanza: il patrimonio artistico culturale e paesaggistico comune e misconosciuto è ampio e rappresenta (quante volte lo dobbiamo ripetere?) una risorsa da recuperare, tutelare, valorizzare e rendere veramente produttiva, fruttifera. Ricominciamo da Verona, Signor Sindaco plebiscitario lega-non lega dal forte protagonismo, a cui i politici cialtroni pentiti della sua parte si aggrappano per riemergere dal pantano e riaffermarsi?

OTTIMISMO

marzo 31, 2010

A Ballarò, di passaggio all'ultimo minuto, colgo la seguente analisi:
 

''LA DESTRA VINCE PERCHE' INFONDE OTTIMISMO''

 

Infatti tutti sanno che un malato terminale si diverte perché sente il solletico mentre trova piena e qualificata assistenza ovunque nelle strutture sanitarie italiane, la famiglia di un ragazzino Down è allegra e serena perché vede prospettive sicure per lui in un futuro caldo e accogliente di merendine e pubblicità,  pensionati soddisfatti fanno gare di rutti, adolescenti abbigliati con le marche crescono seguendo modelli adulti di specchiata onestà, si impasticcano e si schiantano ridendo…

Basta credere, obbedire, comprare!

(non è compulsione… è propensione popolare a farsi infinocchiare!)

 

ABORTO

marzo 23, 2010


A.A.A.

A come Aborto.
A come Anatema.

BS come Bene, Soffermiamoci.

Ampie e diffuse testimonianze ci illustrano che anche i cattolici italiani si sono serviti della legge dello Stato 194/1978 (per non dire che altrettanto spesso l'hanno aggirata).

http://it.wikipedia.org/wiki/Legislazioni_sull'aborto

Molte donne cattoliche adulte per non apparire nei registri, si sono rivolte a strutture private, o recate ad abortire a Londra, in Svizzera, così come molte minorenni, figlie di famiglia cattolica, sono state accompagnate a farlo
in location discrete.
 

Testimonianza n.1

La signora XX, oggi 70enne, ha tre figli e
ha interrotto volontariamente, complice il marito, ben 
9 gravidanze.
Va a messa. E in casa ha un lumino perennemente acceso davanti a un poster
del famoso PP.
Ha dichiarato: il sesso mi digusta.

Testimonianza n. 2 

La mia ex vicina di casa, oggi quasi ottantenne, ha eliminato il terzo figlio.
Ha dichiarato: si ricordi Paola uno è poco, due son troppi! …e il terzo proprio non ci sta.
Prega, con lo sguardo fisso.

Testimonianza n.3

Una signora, nei panni della quale vorrei essere tra trent'anni, era arrivata a Milano, sposina nel primo dopoguerra, in camera d'affitto presso conoscenti.
Il primo figlio, arrivato troppo presto, fu soppresso, con consapevolezza.
Questa donna luminosa e realizzata dichiara di non essere cattolica, non ha bisogno di mentire, e guarda con benevolenza alla sua vita vissuta, tutto compreso.

Testimonianza n. …

Interviene alla radio una vecchia ostetrica.
Dichiara di averne viste parecchie di basapiletta arroganti e benpensanti, abortire alla chetichella.
Pagare e tacere.

(a proposito di radio, stamattina per Prima Pagina, il primo intervento evocava Dionigi Tettamanzi, nella speranza che prenda posizione con l'apertura che lo contraddistingue, ma pare impossibile: la regola glielo impedisce!)

A proposito di a proposito, come possiamo accettare una campagna elettorale così fasulla e sleale?

E per inciso, una bella lezione agli ipocriti, presto o tardi arriverà.
 

COMMUNITY

marzo 16, 2010

Spesso faccio riferimento a RADIO 3, che è per quanto riguarda i media, la mia community. Aderisco; mi ci riconosco; gioisco (quasi sempre) di quel che sento.

Una annotazione. Elettoralmente parlando non facciamo paura: siamo critici, ma pochi.

Le trasmissioni tv invece sono state oscurate. La tv infatti sposta. I voti.

Non possiamo confrontarci, ragionare, scambiare opinioni.

E dato che in Italia, la tradizione di voto dà una certa garanzia di continuità, se non disturbi l'elettore, lo induci, nel suo placido torpore a continuare a votare per quella stessa bandierina (stinta, macchiata… o patinata?) delle passate elezioni.

Vietato perturbare l'ordine, vietato muovere le acque. Sennò il torbido torna a galla, affiora.

SHHHH! Silenzio, si vota!

CUMPA'

febbraio 17, 2010

TI LASCIO COSTRUIRE LA VILLETTA-MI ASSETTO SULLA POLTRONA DEL CONSIGLIO COMUNALE-PROVINCIALE-REGIONALE E DA LI’ ASSISTO PIU’ COMODO ALLO SPETTACOLO DEL DISSESTO!

IL CRETINO DEL PARCHEGGIO

gennaio 24, 2010

C’è una vecchia volpe della politica milanese, curatore degli affari dei palazzinari di storica memoria, che interviene sulla stampa pensando di apparire autorevole e saggio solo perché vecchio, che difende i parcheggi sotterranei.

Ma, certo! I mostri di cemento ipogei, sono un toccasana per l’aria in città: sottraggono le auto dalla superficie, che girerebbero a vuoto per ore alla ricerca del posto! E l’operazione si completa con una elegante riqualificazione dell’area adibita a giardinetti, restituendo ai cittadini uno spazio verde pulito e ordinato… Se qualcuno obietta che gli alberi lì sopra non ci crescono, eh ma valà, come no? non vedi le palme? e le altre gentili essenze che fioriscono in primavera?

In via Stromboli, c’era un angolo di boscaglia selvaggia fino a pochi mesi fa, ora è una crosta penosa di cemento con inserti paragonabili a vasetti di balconcino, e palmette atrofiche piantate dentro a forza.

I nuovi affaristi del box sotterraneo, ammanicati bene, hanno le ville e le barche.

BENE/BELLO 2

Mag 22, 2009

…continua post DEL BENE E DEL BELLO

Penso ai conducatores politici che circolano in Italia. E mi viene da vomitare.

(non è la stessa sensazione che ho provato ieri sera al Giovedì di Augusto, ascoltando i candidati alla provincia di Milano e alle Europee: parole ricche di slancio ideale autentico!)

Torno alla vetrina nazionale: ne ho visto uno (Franceschini) che secondo altri (Cacciari, etc.) non ha i titoli per essere al posto in cui si trova (merito o convenienza opportunistica?), e che ti combina questo? pensando forse di tradurre in pratica un’idea geniale si è messo a scimmiottare proprio il MOSTRO TRUCCATO, colui che si è proiettato in politica supportato dai sondaggi e dalle analisi di mercato e ha raccolto il suo consenso presso le fasce popolari con le gag da teatrino del trasformista (il presidente-operaio, il presidente-casalingo…), e emulo d’eccezione, si presenta pescator dell’onda e ferroviere ciuf-ciuf!!! Penoso e indecente.

Illusione: riconquistare la classe operaia (ma cosa sto dicendo? …insomma ci siamo capiti!). Diceva Daniela Benelli ieri sera quanto questo rappresenti un rovello per il PD. Ma come? Cosa partoriranno gli analisti del PD? Populismo distillato, barzellette, canti in coro e disco-dance: sono queste le strategie e i metodi operativi? Scoutismo bonario alla Franceschini?

All’imprenditur incipriato, le rivelazioni della moglie, i processi ai corrotti, le sentenze, non fanno un emerito baffo. No-o, non è ancora caduto in disgrazia, e stiamo tutti a guardare l’insetto che annaspa quando è rigirato e crediamo che perirà… e invece hop-là si rigira e riprende a correre come una scheggia!

Il MOSTRO MASCHERATO E IMBELLETTATO sta per sferrare l’ultimo decisivo colpo: evocare e sollevare il fanatismo a suo favore. Il popolo, ben addestrato in questi anni di propaganda sottile, ma mica poi tanto (ma incessante, sicuro, basta accendere la tv) è pronto a difendere il suo idolo dagli attacchi dei magistrati, comunisti!

La classe ‘alta’ e ‘colta’ dei servi del regime però non è ancora giunta al termine della formazione (corsi brevi e intensivi!) fatta di slogan e addestramento ad esercitare il discredito terroristico, questa è la ricetta: maschere ben rappresentate da ANTONIO ALBANESE con il suo MINISTRO DELLA PAURA.

http://www.youtube.com/watch?v=9k-s3SAlSMM

E tra Maschera e Smaschera: chi vincerà? Il Grande Partito Pallone delle Grandi Bugie? Il Mediocre Partito Palletta delle Mediocri Bugie? O i Piccoli Orticelli coltivati da fratelli e sorelle di Verità?

Reiterare. Istigare. Forzare. Alla menzogna. Alla costruzione di impalcature di mistificazioni. (Ma che bella festa di compleanno, signori!!!) In cambio di favori. Denaro. Gioielli. Patacche. Appartamenti. Status.

Per fortuna che c’è frate Nichi! Che sia amministratore di regione, popolare, amato e stimato ci fa solo piacere e ci conforta. Slancio ideale e retorico (una critica ce vò) dice Bianca Pitzorno che si candida alle Europee seguendo la sua linea. Una cosa è certa: i trevestimenti non sono più il passatempo dei trans.