Posts Tagged ‘futurismo’

AI CONFINI DELLA REALTA'

aprile 26, 2009

Sbattimenti utili!

Per festeggiare il 25 aprile inizialmente avevamo ipotizzato di recarci al grande appuntamento fissato a ONNA, per ascoltare dal vivo il discorso di pacificazione-ricostruzione del presidente del consiglio (che quando fa le battute, è farina del suo sacco; le smentite e gli interventi istituzionali invece sono studiati dagli esperti di marketing che individuano quel che la maggior parte della gente-elettorato vuole sentirsi dire, così giusto per creare un circolo virtuoso…) ma poi abbiamo pensato che sarebbe stato molto più originale andare direttamente a Salò.

Volevamo purgarci dagli eccessi della grande kermesse del SALONE DEL MOBILE e del figlio abnorme chiamato fuorisalone e abbiamo selto la purga di Salò.

Così dopo esserci messi in fila per via Tortona e limitrofe per 3 giorni consecutivi, ci siamo infilati, per variare, nella bolgia del lungolago (per onestà devo precisare che il mio personale obiettivo era arrivare a Toscolano Maderno e salire oltre Vigole e Sanico, a Ortello e da lì prendere per Monte Pizzocolo, 1581 m, passando per la Malga Valle. E da lassù vedere il formicaio umano!) ma già prima di Salò la strada era intasata versione bouchon. Uno scatto felino inaspettato del nostro affezionato chauffeur ci porta a risolvere brillantemente la penosa attesa che si stava prospettando in coda tra cipressi e campi verdi (fuori dai finestrini) verso la meta (agognata?). Prende per una stradetta laterale a mezza costa e trasmutiamo in un piccolo paradiso di pace con borghi e prati fioriti, nella luce bianca lattea di sole appena velato da una garza sottile. Superiamo in tal modo tutto il serpentone infernale di auto in pochi minuti di estasi e poi ne usciamo imboccando una discesa ripida trovandoci direttamente a Salò. Da cui si snoda la stessa carovana lenta di auto. Un segnale bianco indica subito lì centro-stadio-cimitero-mercato-spiaggia. Si apre istantaneamente un varco tra le scatolette di lamiera incolonnate quasi ferme che proseguono incanalate verso nord. Noi no. Qui. E non un chilometro di più. Giocoforza.

Non tutto il male vien per nuocere! La materia viva e calda trabocca dal crogiuolo, cade a terra e coagula in mille gocce di realtà inimitabile!

1. Parcheggio allo stadio con sbattimento di sportello sulla fiancata dell’auto a fianco abitata da donna intenta a leggere carte… per fortuna non reattiva.

2. Attraversamento del mercato con degustazione di appetitosi calamari giganti fritti al banco delle signore con divisa crema verde e cappello a spicchi e visierina solo verde, truccate come delle moireorfei, che voglio proprio sapere se nei protocolli HACCP è previsto. Luci intermittenti e musica da circo comprese, naturamente .

3. Acquisto di calzettoni sport souvenir da bancaro produttore trevigiano che spiega come le sue calze siano ben rimagliate a mano.

4. Acquisto di altri beni di consumo al supermercato che pare un monumento, fuori tutto in pietra e austero come un palazzo di giustizia e dentro arredato con colori accattivanti, arancio e nero e luci soffuse (davvero!) come un salotto-cucina di nuova tendenza, in anticipo sul salone del mobile del 2011.

5. Arrivo al lago zona foce e spiaggette.

6. Osservazione di germani con pulcini di età diverse pigolanti e in lite. Un bimbo duenne centra le bestiole con ciotoli e il papà tanto sensibile quanto inefficace gli dice che non gli comprerà più il gelato. Evocazione pubblica di Konrad Lorenz e Maria Montessori.

7. Risalita del fiume lungo il greto alla ricerca di angolino tranquillo in cui… e di piante spontanee di cui riportare trofeo a casa.

8. Sbattimento di lunga pianta di boccadileone con fiori rosso amaranto su teste pelate di passanti, fino al duomo, all’altro capo della città.

9. Fila alla bottega del gelato. Si capisce come la processione sia lì invece che di fronte alla porta accanto (duomo).

10. Riposino bord-du-lac su stuoia e colloquio informale con vigile urbano preoccupato delle condizioni di umidità del suolo.

11. Chiacchiere da spiaggia di lago con famigliola con bimba dalla curiosa plica oculare sviluppata. Moglie acuta, marito ottuso. A distanza madre di piccino in fuga lo riacchiappa dicendogli che stava andando dalla ‘parte sbagliata’ (analogia con discorso di premier) e padre in retrovia che raggiunge binomio fuggiasco-madre, che si inventa una storia nuova: "sta’ attento che adesso arriva il vigile" (ancora?).

12. Tramonto sulle colline. Trattoria dalla Bruna, in campagna.

PAROLE IN LIBERTA'

marzo 28, 2009

facciamo così vengo da te e poi decidiamo il da farsi zannottola mi libererò per le 18  pensa a cosa vorresti fare movida pub irlandese piano bar pattinaggio rapina accattonaggio adescamento  ci vediam questo si sta spegnendo la voglio provare questa commistione devo sciogliere questo mio laccio ciao gatta chopin su e giù per le note

gattartista ogni cosa rischia di essere approssimata e sotto misura tacitare gli esosi avidi spilorci creditori questo vento freddo mi trova impreparato una tua inquietudine attendere il notaio è quanto di più evitabile al mondo son vestito anche peggio di ieri sembro un texano giuro che la pianto e ti lascio in pace non riesco a trattenere un sorriso dietro l’altro che gli dei siano con te  le lunghe gambe delle tenniste oggi avrei voluto essere marocchino anzi quel marocchino consiglio direttivo  omaggi molto floreali primavera incombente per tolentino fosse stata la settimana scorsa infermiera contadina assistente cameriera estasi culinarie sei lì carsica nella mia testa vivere con purezza non mi perdo una sillaba di quel che dici e come lo dici  siamo a gubbio sei a roma? ciao vi conviene cambiare weekend il tempo fa paura fino a giovedì sembra sia brutto speriamo nel prossimo mi trovo sempre mille cose da fare spontaneità non necessariamente sintomo di pochezza dietro un’aura di fascinosa elegiaca proposizione si nasconde il nulla se non il male voce terrigena terrestre di anima femminile animaletto specie repellenti i loro cuccioli si rotolano e creano trappole per far cadere i camerieri emettono urla di richiamo le madri si disinteressano quasi subito orgoglio per i danni ai locali vado a vedere le anitre migrare con gli infrarossi via di qui mi faccio un giro ad asparagi e germogli passo vicino campo golf non puoi non farti viva azzo finito le acciughe per colazione e ora come faccio gattaccia? cellulite come gommapiuma spunti pieni di vitalità sani salvi e rifocillati com’era l’orizzonte? pesce sulla terrazza a mare? produzione sterminata odio la precisione ma sono le nove e due minuti un abbrajoe imperterrito vecchia bisbetica inguardabile vado dall’oculista e già che ci sono faccio un salto nel lettino dello psicanalista linguaccia prato di josafat se hai problemi no se no sì uso il fisso perché è gratis c’è una cosa ke potresti fare per me prendere una sega elettrica e togliermi questa armatura la paziente molto impaziente non ha blaterato un bel niente il giardiniere  referto severo di recente polisonnografia 44 apnee all’ora 92 di saturazione ossigeno candidato alla ventilazione notturna il miglior chirurgo d’italia grazie per il maestro grazie ma sono troppo in disordine con tutte le modelle che ci sono in giro questi ultimi giorni sono stati convulsi grazie prof se capita in quel di sidney sarà mia ospite sono stata da giovanna sta bene hai ragione 😦 la bottiglietta non è mai stata in pericolo filippo è venuto a milano al museo di scienze naturali magari vi incrociate…

 (espressioni autentiche estratte a caso da sms residui ricevuti negli ultimi 44 giorni, di quelli che non si cancellano subito perché fanno ridere…)