Posts Tagged ‘madre teresa’

BORSA LIGURE E MADRE TERESA

settembre 9, 2010


Tutto nasce da uno scampolo di stoffa a rigoni azzurro e bianco, di quelle tipiche da materassi, stile ebreo errante. Morbida e resistente al tempo stesso di uno spessore bello e di una tramatura che non lo irrigidisce. Ebbene, una sarta dei vicoli di Genova senza anagrafe, cuce borse e le fa piccole o grandi a seconda della stoffa che le rimane; aggiunge passamanerie, bottoni e fiocchetti. Tendono ad essere perfette. Ma si distrae sempre in un dettaglio: l'errore le rende uniche e quella è la sua firma.

Ad esempio, la mia ha una fodera. Si sa che la fodera deve essere uguale alla borsa, solo più piccola di mezzo centimetro per starci dentro. Be', questa fodera è sfasata. Nell'imbastitura che non è stata rimossa dopo la cucitura definitiva, si vede che era posizionata altrove. Solo se ci metti la testa dentro si vede però! Come nelle fauci del leone. E quando la borsa è vuota.

Con quella borsa delle dimensioni ideali per raccogliere le cose da mare, me ne vo' per la penisola.

Anni fa per avere le mani libere e bilanciare il peso, mi sono messa la larga fascia della tracolla sulla testa ed ecco comparire MADRE TERESA DI CALCUTTA. Giorgino e la sua mamma erano con noi sulla spiaggia di Palinuro o Camerota, non ricordo, e per loro sono rimasta per sempre MADRE TERESA!

Proprio in questi giorni a Roma gli autobus portano la mia/sua… NOSTRA! immagine che pubblicizza un evento in corso.

Borsa magica.

Una figura di donna su cui riflettere.

Ci vuole stoffa, come sempre, nella vita!