Posts Tagged ‘pace e bene’

SUGGESTIONI DELLA VIGILIA E ALTERITA' DI DIO (siamo tutti migranti)

dicembre 28, 2010

 


 


 


orfana della connessione per mooolte mooooooolte ore, recupero e posto!

SUGGESTIONI DELLA VIGILIA E ALTERITA’ DI DIO
 
 
Quasi mai la nebbia costituisce un motivo di salvezza.
Fa perdere. Fa schiantare.
Fa cadere nei fossi.

Ma la parrucchiera ha apprezzato la fitta nebbia di oggi che è il 24 dicembre, in montagna.
Perché è pur sempre il solito teatro, ma irriconoscibile, dunque nuovo!

Il proposito di natale è: allargare la clientela, gli adepti cioè. Taglio gratis, beninteso.
Capelloni benvenuti.

Pensava anche a quanto gratificante sia comunicare con le persone giuste. Giuste.
Cioè giuste davvero. Non finte. Non posticce. Non imposte. Come impostori.
Gandhianamente, i passanti.
Senza dimenticare i vecchi personaggi forse negletti e marginali ma testati ripetutamente,
 meritevoli di fiducia e amati.

Anche avere un buon collegamento con Radio3 (94.8 o 98.3 in Trentino) è importante per lei.
Il black christmas proposto è stato sublime ed energizzante. Nella nebbia.
Evocativo. Trasognato. Immaginifico.

Buona vita! Agli organizzatori del museo dell'immigrazione di Lampedusa, ad esempio.
La parrucchiera ci andrà, lo sente. Ne è calamitata.
E porterà con sè un reperto.
 
(God is in Details)
 

Annunci

TEMPITERNITA'

settembre 7, 2010

Per Panikkar, l'incontro fecondo tra le culture dell'oriente e dell'occidente si sviluppa all'interno del proprio io, a livello intimo ed intra-religioso prima che inter-religioso:

 

« Vorrei essere fedele all’intuizione buddhista, non allontanarmi dall’esperienza cristiana e rimanere in comunione con il mondo culturale contemporaneo. Perché innalzare barriere? Il fatto di elogiare una tradizione umana e religiosa non significa disprezzare le altre. La loro sintesi è improbabile e talvolta forse impossibile, ma ciò non vuol dire che l’unica alternativa consista o nell’esclusivismo o nell’eclettismo” »
 
( “Introduzione” di Il silenzio del Buddha. Un ateismo religioso, Milano 2006).)

La vita di Panikkar lo ha condotto ad assumere un'identità multipla e quadruplice:

  • cristiana, per nascita ed educazione;
  • indù, per origine e riscoperta;
  • buddhista, per “risultato del lavoro interiore”
  • secolare, per contatto con il mondo occidentale.

Per Panikkar (1918 – 2010)  la Pace è un valore che si può insegnare, è la vera Politica. Bisogna togliere l'angoscia della morte. L'eternità è adesso! Beatitudo, gioia e mistero divino nel vivere costantemente la morte. Chi nega se stesso resuscita. Chi non scopre la bellezza della povertà non sarà mai libero.

CASCINE A MILANO

maggio 13, 2010

aperitivo in cascina il 18 maggio

http://www.cuccagna.org/portal/IT/handle/?page=homepage