Posts Tagged ‘pesca’

UN ARGINE ALL'OBLIO

dicembre 11, 2010

1. Un regista e/o attore teatrale sostiene che l'arte è un argine all'oblio, gli artisti creano scogli.

2. La macchina del fango funziona anche in famiglia.

3. Politica e scrittura è un bel connubio.

4. Due saraghi bastano! Bottino inaspettato quest'oggi. Master aveva la riunione di condominio e poi ha dato la delega a un pollo qualunque per andare a pescare ma, niente! I saraghi li ha presi Yuri, l'amico del costruttore.

5. I pomodorini del carrefour sono marocchini. Uffa! Cosa ci mettono sopra? Li trattano peggio che da noi?
Per un sughetto coi saraghi si possono prestare. Insieme ai datterini italiani avanzati… Mix mix mix.

6. Che cosa prepara il cantiere di Radio3? Devo parlarne con Pietro.

7. Entro domani finisco  Herta Mueller. Fisicità intensa e sublime. Ferroni dice che non ci sono innovazioni nella narrativa. Mueller non è abbastanza avanti? Su… Almeno le si conceda qualche abbinamento inedito! Abitare l'orizzonte.

8. Christian emulo di Goethe.

CAMBIO GOMME

Mag 31, 2010


Oggi il mare era inguardabile al mattino e praticabile al pomeriggio col vento di terra. I raccoglitori abusivi di vongole si lamentano che siano sempre più piccole. Se le lasciamo crescere rispettando il fermo biologico, magari…

A Porto Garibaldi, un magnifico pesce fritto. Semplice pesce azzurro.

ANIMA MIA e FELIX a/da Grottaglie

aprile 5, 2009

1. Dalla casa torre dei F.. in un pomeriggio torrido di qualche anno fa, nel silenzio rotto solamente dallo stridere delle gomme sul lastricato liscio della curva a gomito, ho sentito arrivare le note di ANIMA MIA e la voce di una donna misteriosa che la cantava a squarciagola… La scena mi ritorna in mente perché ho sentito la canzone, nella versione meno intelleggibile forse da un concerto, alla radio.

2. Felix vive in casa nostra da 4 o 5 anni. Viene dalla pesca della madonna del carmine di grottaglie. Un amore! Il tavolone della pesca condotta dalle signore del quartiere e dai bambini che ti dicono come pescare, era vicino alla piazzetta e ad una delle sale della parrocchia. Nella piazzetta si teneva il cinema: THERESE DI LISIEUX, con un commento elegantissimo dell’intellettuale della città. Alla proiezione hanno assistito tutti: vecchi, giovani, bambini, disabili e… ITALIA UNO (che non è la tv bensì il mattacchione della zona).

3. Ho subìto un improvviso attacco domestico (annunciato): avevo tempo fa (non stiro spesso) cercato di togliere il calcare dal ferro da stiro con l’aceto, che probabilmente è rimasto all’interno del ferro e quando l’ho riacceso mi ha investito un vapore caldo all’ACETO CARAMELLATO! L’episodio mi ha fatto ricordare  che l’asse da stiro che uso ormai da 20 anni viene da zurigo: è un trovatello delle notti dedicate alla discarica di mobili e elettrodomestici in strada che passa il camion della raccolta (la città sembra napoli per due-tre ore tra le tre e le sei del mattino e poi tutto sparisce… PUFFF) ha subìto a suo tempo due attacchi dagli umani, maldestri, sciocchi esecutori di faccende domestiche: mia madre ha bruciato la copertina termica a fiorellini marroncino ocra che ben si combinavano con la struttura in legno naturale, perché ‘il suo ferro non brucia’ ed è abituata a lasciarlo con la piastra orizzontale mentre va a fare la pipì…, e mio suocero ‘per aiutarmi’ in un trasloco ha cercato di ripiegarlo per trasportarlo chiuso nel modo sbagliato (ed ha una laurea in ingegneria…), così si è tutto un po’ sbigolato.

4. Ho letto i commenti ai miei media ora. Ma si può? Irriconoscente che non sono altro!

5. Ho scritto troppo in piccolo? (HO RIMEDIATO!)