Posts Tagged ‘ricerca’

LO ZIO DI ROMA

dicembre 30, 2010

LO ZIO DI ROMA
 
Precisazione. La lista del post precedente non ha grandi pretese di per sé. Sembrerà disarticolata. Ma vuole essere una testimonianza di presenza, come un’impronta di piede sulla sabbia, ben consapevole della sua effimera consistenza.
Non è un consuntivo. Non è un inventario.
Bensì una piccola serie di rigurgiti della memoria, in relazione alle immagini presenti. Concatenate.
Come nel film della vita, nella sua unicità, seppur banale.
Sono quadretti incorniciati.
A proposito, vedi quanto calata nella realtà tangibile sono, ho il fermo proposito
di cambiare la cornice alla tavoletta coi fiori ad olio della zia, per valorizzarli meglio, perché sono splendidi e si meritano un contorno unico e non in serie realizzato da mani esperte di artigiano, come il mio di via Cerano.
E la cambierò.
 
Non passano inosservate certe notizie.
Ho come l’impressione che se non seguo, non accada nulla. Poi quando decido di accendere la radio, ecco che l’informazione è servita.
O la telenovela è così solerte che ti riassume sempre i fatti. Perciò non ti puoi perdere alcunché.
La notizia ti assomiglia, ti vuole, e diventa tua.
Questa. In Giappone, una fiorente azienda con un migliaio di dipendenti, propone servizi specializzati
di abili guastatori.
Assoldi l’attore e questo ti fa fuori moralmente la persona da eliminare.
Vuoi licenziare un dipendente scomodo che però è produttivo e irreprensibile?
Bene. Il guastatore di professione gli verrà affiancato, lo provocherà e lo esaspererà fino ad ottenere
l’effetto desiderato.
Vuoi divorziare? Bene. Il guastatore-amante insidierà tua moglie e ti porterà le prove dell’adulterio.
Del committente nessuno farà parola, garantito.
Il Giappone è sempre più avanti, anche in prossimità del baratro. Il paese della forma e dell’onorabilità ossessiva.
Un paese profondamente infelice, lo tratteggia senza incertezze la penna di Amelie Nothomb.
 
Qualche riflessione anche su di noi, in questo paese (ex) giardino d’europa, così è definito tuttora nei sussidiari in lingua araba.
In un articolo di oggi Galli della Loggia riferisce di un paese anestetizzato, intristito, fermo,
psicologicamente bloccato, inerte. Quale giardino?
Non è nè verde né fiorito, né prolifico di idee.
Un pantano a rischio di frana. Una conurbazione unica di centri commerciali e capannoni inutilizzati.
Fermassimo il consumo di suolo, la cementificazione, ritroveremmo un angolo di pace in cui coltivarci.
 
In Nigeria c’è stato un grave sversamento di materiali radioattivi nei pressi di una miniera di uranio.
Il fatto è stato praticamente taciuto.
Altre sono le armi di distrazione di massa.
Per uccidere la storia.
 
Che c’entra lo zio di Roma?
Era un tizio pagato dai parenti degli sposi che compariva ai matrimoni di Napoli.
Per dare lustro all’evento.
Blanda mistificazione. Ma il principio non è salvo.
Siamo tutti nipoti di quello zio.
E nessuno denuncia l’imbroglio.
 Nella patetica illusione di ottenere un giorno un pezzo di improbabile eredità.
 

DOPO COETZEE, MULLER

novembre 25, 2010


1. Letture sante! Herta Mueller segue Coetzee, con intermezzi italiani da definire nella loro pallida espressione. Mueller ha frasi brevi, tronche. Intuizioni lampo. Suggestioni profonde, roventi e raggelanti.

2. Sul treno. Una coppia grottesca. Lui a metà strada tra i cinquanta e i sessanta, fattezze woodyalleniane, palesemente sposato; lei morbida trentacinquenne, occhioni luminosi e questuanti, perenne sorriso, avvinta al  braccio ehm… virile. Un continuo di telefonate in cui lui a voce percepibilissima nel raggio di sei metri, dipinge un quadro di fuga camuffata. Devo dire a mia moglie dove sarò a dormire, sì… sa che vado a roma… parla con un amico compiacente e gli chiede di aiutarlo a costruire un paravento… La giovane segretaria a ben guardare risulta un po' troppo costretta nel suo già ampio sedile. Si alza. Oh, ecco il trucco: è una culona gigantesca, incontenibile! E tu, Woody, ti sei ricordato di passare in farmacia?

3.  Mi scriveva in pvt un amico, a proposito dello scenario milanese delle recenti primarie che il pd organizza e perde!:

> So già cosa
> accadrà: un mese prima delle elezioni De
> Corato
> darà il permesso a qualche movimento di estrema destra

> /> > per fare una sfilata nel centro.
Tutti i gruppuscoli
> di
> sinistra si riuniranno per una contromanifestazione, si
> faranno
> infiltrare dai provocatori, così
> sfonderanno un po' di
> vetrine, bruceranno qualche
> macchina e gli indecisi ritorneranno a
> votare per la
> destra.
C'è solo da sperare che
>
> Albertini tolga un po' di voti alla Moratti.

Trasferendo il ragionamento a livello nazionale, vediamo quel che sta accadendo con le manifestazioni di protesta degli studenti: tensioni al senato, ecc. Conseguenze? Similari. Richiesta di ordine = sterzata a destra. Sono semplici manovre correttive!

4. A propos. Quando ripeschiamo i crediti di 2-3 miliardi di euro dalle curie? C'è qualche politico di buone speranze che se ne possa incaricare? Inutile parlare di solidarietà e apporto del volontariato cattolico per nascondere le aberrazioni finanziarie che regalano 240 milioni alla scuola confessionale e tolgono l'ossigeno alla gloriosa scuola pubblica in pilotato disfacimento! Muoviamoci.

5. Ho dato del fascista a un povero vecchio orgoglioso di essere di destra, che ha il mito della virilità e controlla quella altrui (spiaggia di capolungo a ge, fauna varia, pescatori per diletto ex naviganti, riccastri immobiliaristi, prof in pensione, casalinghe…) e che tra le altre cose, parlando delle 115 donne ammazzate in casa da mariti ex conviventi fidanzati ecc nel 2010 fin'ora, ha detto: sono loro che se la cercano!

Una destra avanzata, non c'è che dire.

Ma la mia azione pedagogica… even on the beach, e con asini conclamati e stagionati, funziona sempre!

Una donna anziana, omologa per dato anagrafico al suddetto patetico personaggio, prima di lasciare la spiaggia ha fatto la raccolta delle plastiche, in silenzio. Ci siamo salutate. Sennò ce le mangiamo, fa sconsolata ma determinata nella sua piccola esemplare azione.

6. Riduzione dei rifiuti. Ottimo esercizio. Prevenzione. Riuso. Riciclo in terza battuta. Ultima: recupero energetico.
Le quattro R.

 

I FURBI U.S.A. e NOSTRANI, DEL NORD E DEL SUD

novembre 9, 2010

I Furbi son Furbi. Tautologico.

Stewart Brand è un ambientalista pragmatista, e dunque un super furbo: era contrario al nucleare per il problema dello smaltimento delle scorie. Era. Ora, con i reattori di ultima generazione è tranquillo: le scorie sono quantitativamente ridotte e basta riciclarle! Si trattano semplicemente dice e le si trasforma in innocui sali.

Una valanga di sms e mail investe la redazione di Radio3Scienza. Scetticismo totale. In Italia? Dove? …non siamo nemmeno sicuri della stabilità della Torre di Pisa? Ah, battutona, lo scienziato pragmatista coglie l'opportunità di riderci sopra e consiglia di non stockare le scorie sotto la Torre di Pisa, per il momento! …finché fra dieci anni, anche questo ridente paese mediterraneo avrà le sue centrali nuovissime e pulitissime e si doterà degli impianti paralleli di trasformazione. Wow!

Anche le biotecnologie ci salveranno. Caspita, ma sarà tutta farina prodotta autonomamente dal quel gran mulino che è il suo big brain? O gli ingranaggi sono unti dai grandi potentati economici, novelli amici? Così, tanto per polemizzare un po'. Per far luce, meglio.Tenersi sempre aggiornati: sacrosanto! Vale sempre e ovunque.

La macchina del fango procede, tranquilli. Grande prova di civiltà danno coloro che apportano spunti di approfondimento, confronto e discussione in toni pacati e sereni. Difficile, ma possibile.

Morto un genio non se ne fa un altro, Di Andrea Pazienza ce n'è uno solo. Questo è il parere di Sparagna che racconta la storia lunga 30 anni di Frigidaire, ormai senza una vera redazione dice, ma fatto da teste vive che prestano la loro collaborazione con vibrante entusiasmo. Grazie!

Furbi. Parenti in corsa per l'eredità. Tutti nel proprio piccolo, si arrangiano!

In grande stile, furbo Bossi che rimane avvinto al suo alleato finché conviene. Impossibile pensare che non vi sia una dose di furbizia nello strappo finiano, finalizzato alla lottizzazione del Paese, alla spartizione delle aree regionali, il nord a me, il centro nord a te, il centro sud a Ciccio e il sud a Pepé… Le profezie sono catastrofiche, non per i professionisti della politica, ma per il Paese Reale.

Per finire, ma non è finita, Parte un'inchiesta sui ricatti nell'ambiente di lavoro. O prima di ottenerlo. Qualcuno sta raccogliendo testimonianze. Era ora! 

POLIPOLEMISTA IN CARRIERA

marzo 27, 2010

1. Stazioni ferroviarie italiane vecchie cadenti scrostate con angoli colmi di macerie giardini inesistenti o malconci panchine sbrecciate treni sporchi lenti obsoleti, ma…
GLI SCHERMI PIATTI DELLA PUBBLICITA' FUNZIONANO! Sembra provengano da un altro pianeta, atterrati e appesi da mano invisibile diligentemente ad ogni pilone di sostegno delle tettoie in certe stazioni compaiono ancora residui fregi in ferro che ornano le pensiline perfino portavasi ma tutto è arrugginito o desolatamente vuoto inutilizzato abbandonato dimenticato…
LA LUCE EMESSA DAGLI SCHERMI E LE IMMAGINI CHE VI PASSANO VELOCI SINCOPATE E POI RALLENTATE NEL MOMENTO DEL GODIMENTO DEL SAPORE DEL GELATO CUORE DI PANNA LA GOCCIA DI CIOCCOLATO CHE COLA E LA BIBITA CON LA COLA CHE FRIZZA SPRIZZA RIZZA ATTRAGGONO E DISTOLGONO TUTTI PROPRIO TUTTI!

Essere viaggiatori-consumatori critici aiuta. Ehu!

2. Se vedo un fumatore con un barlume di luce negli occhi ci provo. Mi anticipa: ne vuole una? E mi avvicina un pacchetto appena aperto liscio lucido in shape spigoli perfetti. Reminescenze. Penso che i fumatori siano portatori malsani detto semibenevolmente di esperienze di vita densa quasi sempre di sofferenze incomprensioni stress emotivo frustrazione… No guardi io non.. ma lei… si sposta sottovento intanto… smettere no eh? Finché lavoro no non ce la faccio troppo stress potevo già essere in pensione da due anni ma devo arrivare alla fine del progetto l'Italia è il  paese delle occasioni perse… e il mio progetto riguarda le donne… sanità? sì diagnosi prenatale senza amniocentesi o villocentesi basta un prelievo ematico semplice e si va alla ricerca degli eritroblasti ah i precursori dei globuli rossi… sì e si distinguono per Hb F… giusto emoglobina fetale con altre catene globiniche geniale! e la storia dura da… dal 1995 si applica solo a livello di ricerca e in teoria non potremmo trasmettere i risultati alle future madri… e lo fate lo stesso se ci sono evidenze di trisomie? …sì di straforo ma il ministero non dà le autorizzazioni ad applicare il test non invasivo senza rischi… la ricerca continuerà all'estero… passo la mano metto a posto tutto smetto di lavorare e di fumare!

Ad intervistare i fumatori se ne imparano delle belle.