Posts Tagged ‘tecnica’

COMMUNITY

marzo 16, 2010

Spesso faccio riferimento a RADIO 3, che è per quanto riguarda i media, la mia community. Aderisco; mi ci riconosco; gioisco (quasi sempre) di quel che sento.

Una annotazione. Elettoralmente parlando non facciamo paura: siamo critici, ma pochi.

Le trasmissioni tv invece sono state oscurate. La tv infatti sposta. I voti.

Non possiamo confrontarci, ragionare, scambiare opinioni.

E dato che in Italia, la tradizione di voto dà una certa garanzia di continuità, se non disturbi l'elettore, lo induci, nel suo placido torpore a continuare a votare per quella stessa bandierina (stinta, macchiata… o patinata?) delle passate elezioni.

Vietato perturbare l'ordine, vietato muovere le acque. Sennò il torbido torna a galla, affiora.

SHHHH! Silenzio, si vota!

FORMAT

marzo 5, 2010

Una donna di trentacinque anni, con un viso delizioso, decide di sottoporsi ad una liposuzione della zona fianchi-cosce e a un ritocco al seno. Vuole cambiare vita. L'operazione sarà gratuita poiché lei, attrice di se stessa, presta la sua storia, veritiera e convincente, alla pay-tv. Paga l'utente-cliente, paga la pubblicità.

Vive nel milanese, ma viene dalla lontana Sicilia o meglio, dalla ancor più remota (in tutti i sensi) Lampedusa, col suo doloroso bagaglio di ricordi (lo testimoniano le lacrime autentiche): ha tre figli, un ex marito, un nuovo compagno affettuoso che la scorta in taxi fino alla clinica-set, dove recitano, con piglio sicuro (talora con eccesso di cortesia) i medici, attori di loro stessi, veritieri e persuasivi.

Alla concitazione dei reality ambientati al pronto soccorso, si contappone qui, la tranquillità di un ambiente asettico e ovattato, a misura di domanda di vera e autentica attenzione alla vicenda umana.

Quando però, dopo aver visto meticolosamente dividere in quarti con il pennarello (atossico, mi auguro!) le carni della coraggiosa donna, si procede alla aspirazione della massa adiposa (due litri!!), energicamente condotta dal medico più (elegantemente) accanito (e sanguinolento!!!) del team, cambio scenario con un rapido click.

E casco dentro un altro FORMAT, dedicato, sulla falsariga, al recupero dignità estetica, ma senza anestesia. Due donne (opposte per problematiche: l'una sciatta, l'altra eccessivamente carica di orpelli), stessa fascia d'età (ottimo target!), si affidano ai sapienti consigli di visagisti, sarti, psicodrammaturghi, ed altre figure professionali assortite, che le aiuteranno a sbocciare, fiori tardivi, incomprese dal mondo selettivamente impietoso.

La competizione sfocia nel trionfo della sciattona, pretty girl per un giorno, che è premiata con la scelta di uno tra i bonhommes della giuria, che l'accompagna fuori dalla scena, lasciando intendere che ora sì, può iniziare per lei, così rigenerata, una vera (gratificante!) nuova vita.

(Ma, chi ha visto la fine della puntata del format psico-truculento?)

BONCI BONCI

marzo 25, 2009

QUALI CARATTERISTICHE CONTRIBUISCONO ALLO SVILUPPO E ALL’ESPRESSIONE DELLA CREATIVITA’?

Gli studi evidenziano una sostanziale autonomia delle capacità cognitive attraverso le quali si esprime la creatività rispetto al complesso delle funzioni mentali che definiscono l’intelligenza. Creatività non è capacità di risolvere i problemi ma di individuare problemi solubili, facoltà che richiede uno sforzo immaginativo superiore o una diversa inclinazione, negli obiettivi e negli appetiti intellettivi. Sono coinvolte più forme di intelligenza nell’organizzazione della percezioni e nell’operato della memoria. L’intelligenza serve alla creatività.

I correlati psicologici della creatività a livello individuale risultano dalle batterie di test usate abitualmente negli studi sulla personalità:

indipendenza nei comportamenti e negli atteggiamenti, dominanza, apertura agli stimoli, ampiezza degli interessi, buona accettazione di sé, intuitività, flessibilità, socievolezza, unita però a tratti di antisocialità, radicalità nei giudizi, rifiuto delle costrizioni, introversione…

Tranne l’ultima caratteristica che mi pare avulsa, tutto il resto è davvero lusinghiero! Nelle fasce di età più giovani valgono anche altri parametri.

Perché un prodotto creativo sia riconosciuto come tale è necessario che ottenga anche un certo consenso dei possibili fruitori, che catturi l’attenzione nel confronto con la tradizione e parli il linguaggio dell’innovazione. Le capacità relazionali e di accedere alle risorse sono fattori che condizionano l’emergere e l’affermarsi della creatività.

Perseveranza, capacità di non lasciarsi sopraffare dalle critiche, autorevolezza: sono doti indispensabili su cui si basa la produzione creativa, per discostarsi dalla tradizione o saperne fondare un’altra.

Arte è tecnica, capacità di misurare e organizzare i materiali secondo un progetto. Nell’arte il progetto si compie nel suo stesso farsi. Nella realizzazione del progetto tecnico si evidenzia l’uso e il valore di scambio. Non necessariamente i due aspetti sono in contrapposizione.

Poesia è arte e tecnica.