Posts Tagged ‘tissotropia’

CICAP

novembre 12, 2009

…è stato il mio cavallo di battaglia per anni:

La TISSOTROPIA e il cosiddetto miracolo di San Gennaro.

Era il 19 settembre 1995. Mettevo per la prima volta piede (quando si dice cominciare con il piede giusto...) nella scuola a Milano. In orario, la seconda A. Passo all’edicola di fronte e acquisto La Stampa. Di mercoledì contiene le pagine di TUTTOSCIENZE. Una buona idea per esordire: prendere spunto da un quotidiano per trattare le tematiche di attualità, lasciarsi sorprendere dall’offerta contenuta in quelle pagine, mostrare ai ragazzi un giornale, tradurlo, selezionare, dare un esempio di lettura impegnata che è anche una forma intelligente di intrattenimento, il massimo! In taglio basso, un titoletto gustoso:

Non è sangue bensì sostanza tissotropica.

Il metodo scientifico applicato ad un evento ritenuto da molti o da alcuni miracoloso. Ci si può accontentare di vedere una massa rosso scuro-marrone che si trova allo stato apparentemente solido inizialmente e poi gocciola in un punto, senza sapere di che si tratta veramente? Se non fosse che pure la Chiesa lo ha temporaneamente declassato a evento mirabolante, si potrebbe dire che è tutto architettato da quei guastafeste degli scettici agnostici atei razionalisti! Gennaro era vissuto tra il terzo e quarto secolo. Solo dopo mille anni si cominciò a parlare delle ampolle…. Ipotesi, verifica, analisi dei risultati. Dal mescolamento di terre facilmente reperibili all’epoca si possono ottenere miscugli tissotropici, solidi se lasciati a riposo, fluidi se sottoposti a sollecitazioni meccaniche, e molto simili al sangue, appena preparati.

http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100062

La lezione sulla TISSOTROPIA mi valse un encomio pubblico, un riconoscimento di nicchia, e una marea di GRANE della serie minacciosissima LASCIA STARE I SANTI, PRENDITELA COI FANTI!!! Gli alunni percepirono la sottigliezza degli argomenti in gioco. E parteciparono alla attestazione di libertà di insegnamento, espressione di democrazia e pluralismo. Bene così. Ne è certamente valsa la pena.