Posts Tagged ‘vacanze italiane’

ARBORETO

agosto 4, 2013

Come abitare a Vilminore (base di partenza per le escursioni lungo il fiume -con i bagni nelle marmitte dei giganti- fino alla diga del disastro del 1923), essere un fotografo e inventarsi un lavoro: attrezzare un arboreto alpino. Chiedetelo a Giorgio Capitanio! http://www.gleno.it

NATURISTI PER CASO (OVVERO: BATACCHI ESTIVI IN MAREMMA MAIALA)

luglio 30, 2010


Che tristezza, fa la Daniela con una smorfia di malizioso disgusto, vedere i piselli al vento così…
Sì davvero guarda, ogni tanto mi libero del reggiseno ma a vedere tutta quella roba fuori mi è passata la voglia e l'ho tenuto apposta anche se entrare in acqua senza è tutt'un'altra cosa… Dato che non voglio far passare messaggi falsati, in altra circostanza mi spoglio… sennò no! Una virtù inaspettata.

A Siracusa, verso Noto, dicevano di un altro mercato delle carni sulla spiaggia. Sono soprattutto maschi a proporsi, ovviamente. Quarti di bovino adulto. Macellati e consumati freschi, al sangue, tra le dune e le ammofile. La corrida è niente al confronto. Ma in fondo, tutto ciò non è altro che…

LUI non va in vacanza (e ricompatta)? NOI sì!

luglio 18, 2010

In sequenza, una panoramica di situazioni balneari, per sottolineare che… oziando s'impara!

1. L'allevatore canterino.

Che un bravo giovane possegga 140 capi di bestiame da destinare con marchio carni locali, dopo uno o due anni di ingrasso, ai supermercati coop, e se ne occupi con piglio manageriale coscienza e sapienza antica al tempo stesso, pare cosa abbastanza rara. Egli si concede pochissime ore di vacanza in un anno perché, pur contribuendo certamente anche al PIL, pensa al suo tornaconto e sa che non può permettersi di mollare: la sua presenza è essenziale per il buon funzionamento dell'azienda. Ma ha un sogno. Che può realizzare il giovedì sera, quando il ristorante della tenuta di Monterado con attività pseudo agrituristica, organizza una festa danzante per gli ospiti. Il nostro eroe dal suo podere, confinante, sente la musica e si allena, mentre controlla i vitelli chiusi nei box per non correre e snellire, e le fattrici se ne vanno libere per il campo… Dopo un’accurata doccia, indossa una bella maglietta a righe rosse bianche da gondoliere modificato, e acceso in viso da una giornata intera sotto il sole sulla mietitrebbia e tra i suoi animali, si dirige verso il piccolo palcoscenico. Con quali risultati, lascio al lettore facilmente immaginare.

(Chi è il LUI del titolo, specializzato in dichiarazioni improvvide?)

seguono episodi 2, 3, 4…

VIPERA BUROCRATICA

luglio 14, 2010


La zoologa osserva la vipera dalla testa semidemolita e le mosche che accorse numerose le surgono gli umori nutrienti: un esemplare verde pezzato di 75-80 cm. Ha la colonna spezzata in due punti e la sinuosità del corpo altrettanto interrotta, senza però alterarne la livrea. Piu' due ferite corte e profonde nel collo. Ipotesi: catturata da un rapace che per la mole e la lotta non è riuscito a trattenerla in volo fino al luogo della consumazione, oppure finita sotto i ferri del trinciatutto degli operai che lavorano nei pressi? Arrivano solerti vigili del fuoco, che allla fine compilano un verbale.