FOTOTROPISMO

dicembre 15, 2018

Annunci

STUPIDO, MALVAGIO O INETTO

dicembre 14, 2018

OCCHI

dicembre 12, 2018

MAGMI SONORI

dicembre 12, 2018

Lieto colle. La vita felice. Gilgamesh. Quale.

dicembre 11, 2018

TROVA LE DIFFERENZE TRA LE MACERIE DEL BLUE MARLIN

NON È SOLO LA LORETTA MAIUSCOLA DI PEC

dicembre 10, 2018

L’ultima visione del mondo reale è quella della signora in nero seduta sugli scalini, pallida e tremante E coi capelli Crespi addomesticati e con la mano a coppetta per chiedere monete. La donna bionda, più svelta di me con la distorsione al ginocchio, si piega su di lei pietosa come se vegliasse una nonna malata. È infatti quel sentimento atavico che la porta a rivolgerle la parola con premura mentre estrae dal Borsellino qualche spucciolo. Ma perché questo sistema di trascrizione dal vocale mette automaticamente la maiuscola a parole come Crespo l’aggettivo che è riferito ai capelli e a Borsellino il sostantivo? In ogni caso, andiamo avanti. Gli altri (la mendicante) siamo noi; il pubblico è privato (ci tocca, ci riguarda) e viceversa. Mi piacerebbe conoscere la sua vera storia. La immagino ricca e non povera come appare ora, così disorientata.

Visione numero 2: di fronte allo scempio di Riva Trigoso, a Borgo Renà, è impossibile non rimanere attoniti. Come a Rapallo e a Nervi, dove c’è chi scommetterebbe che nessuno avrà più il coraggio di investire un solo centesimo per la ricostruzione delle strutture balneari distrutte, Improvvisamente rispuntano Lucio e la Laura in bici come se ci fossimo dati appuntamento e con la stessa naturale allegra compostezza con cui erano spuntati di là, sull’Adriatico, in zona Riccione… un mese fa, a ricordarci che esistiamo, con una missione, seppur infima o lieve, da compiere.
Terza visione: compare quel ragazzo persiano che deve sistemare i conti con il suo passato la sua infanzia la sua nascita la gravidanza precoce della donna-bambina che lo ha generato, cui, a 15 anni, avevano inflitto un matrimonio combinato. Lei, come tante, troppe, piccola vittima di una mentalità retriva inaccettabile; ed è quella stessa giovane madre inconsapevole che non accetta oggi che il figlio scelga una fidanzata, si avvicini a una ragazza di etnia diversa Insomma che lo porti per mano in un viaggio non so se altrettanto assurdo ma mediamente percepito come ambito se non anche solo plausibile, ovvero in India da cui torneranno e si interrogheranno come se fosse un test e dovesse necessariamente dare un esito. Ma è incapace di sviluppare progetti concreti. Perché lui, a 36 anni, si sente inquieto e irrisolto, immaturo e ancora… a metà del Guado, sempre in attesa di segnali di approvazione dalla sponda .. queste maiuscole inconsulte danno davvero noia.
Visione numero 4: la voce di un amico al telefono. Sì, perché la voce è evocativa, soprattutto se non ci si vede da talmente tanto tempo che attraverso il suono ti figuri il viso invecchiato i capelli ingrigiti l’espressione semidisgustata del sedicente arrogante freddo cinico presuntuoso (grappolo di opinioni che io, dal basso del mio punto di osservazione, non condivido) Lo Sguardo semi-ironico-smarrito sfuggente… Queste sono le immagini che le vibrazioni di quella voce trasmettono, insieme al piacere di risentirsi. Verremo a trovarti presto, Sì. Come tanti altri nella stessa situazione TU stai per fare un’operazione onorevolissima e dignitosissima già collaudata che si chiama Open House e qui le maiuscole non richieste stanno a pennello pertanto chiudo con soddisfazione questo socio-multireport!

ONOMATOPEE

dicembre 10, 2018

TROVA LE DIFFERENZE NEGLI SCATTI DI MARIO S.

dicembre 10, 2018

CON IL BRAND, L’HINTERLAND E IL BACKSTAGE

dicembre 6, 2018

Non si va da nessuna parte.

Gli altri europei (non necessariamente i brexati, e nemmeno i francesi, ché non se lo possono permettere) dicono che gli italiani non parlano l’inglese.

Così come a Roma, pur di non deluderti subito, ti danno informazioni sbagliate (e chissenefrega se ti mandano a S. Giovanni in Laterano invece che a S Giorgio al Verano -che sono assonanti solo perché finiscono in ANO- come Milano, d’altronde…), esistono soggetti che hanno imparato sommariamente qualche parola del più diffuso idioma turistico-commercial-tecnico-finanziario e la spendono a casaccio, o a capocchia, che dir si voglia.

Yes, I’m brand! Afferma il militare pelato.

Le missioni militari sono uno spreco? Nooo, per carità, creano un ampio hinterland!

E, infine, dopo le letture alla libreria Bocca, sicuramente è da raffinatoni apostrofare la poetessa con un:

Complimenti per il backstage!

Lei, sbigottita: ma scusi, e le poesie le son piaciute?

Ah, sì, anche… certo!

What a peeling!

TROVA LE DIFFERENZE NEGLI SCATTI DI PSOLA Z.

dicembre 4, 2018